Metti una sera a cena con la Tartare di Tonno e le Mele Verdi

di Germana 0




Ultimamente il pesce crudo é di gran moda, complice anche l’imperversare dei ristoranti giapponesi per tutta la Penisola. Comunque vi devo dire che io non sono un’amante delle crudità di pesce e questo sia per una questione di gusto sia per una questione di salute, ovvero credo fermamente che i nostri mari non consentano più un consumo eccessivo di questo alimento senza previa cottura. Ma aldilà delle mie considerazioni personali, la tartare di tonno rientra invece in uno degli alimenti che gradisco molto. Dovete naturalmente prepararle con il filetto del tonno che è molto tenero e poco filamentoso. Ad arricchire questo piatto vi consiglio poi di usare delle mele verdi, della salsa di soia e qualche bacca di ginepro, il tutto lasciato a marinare per almeno 1 ora. In questo modo infatti il pesce assorbirà il sapore del condimento diventando molto ma molto succulento!

Tartare di tonno


Ingredienti

350 gr. filetto di tonno | 1 mela verde grande | 3 cipollotti | 1 cetriolo | 5 cucchiaio olio evo | 2 cucchiaini salsa di soia | qualche bacca di ginepro | qualche rametto di timo | succo di 1 limone

Preparazione

  Tagliate "al coltello" il tonno, conditelo con un cucchiaio di olio, 1 cucchiaino di soia ed il succo del limone, copritelo e lasciatelo in frigo a marinare per circa 1 ora.

  Nel frattempo tagliate e dadini piccoli sia il cetriolo che la mela verde, conditeli con un pizzico di sale ed un filo di olio. Poi mettete insieme le verdure con il pesce e con un coppapasta preparate dei "tortini".

  Preparate un'emulsione con il restante olio, le bacche di ginepro e la soia e condite la vostra tartare. Infine guarnite con qualche foglia di timo e qualche chicco di sale grosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>