Bami goreng: cucinare all’indonesiana con il wok

di B.Raccah 0

Ho avuto modo di conoscere questo fantastico piatto indonesiano durante un viaggio nell’isola di Bali. Quest’isola, una vera e propria enclave di una cultura antichissima e molto originale riserva delle incredibili sorprese. E’ un’isola così compatta che in poche ore si può passare dalle spiagge di sabbia del sud allo spettacolare bordo di un vulcano attivo a 1.500 metri. La vita dell’isola è scandita da innumerevoli cerimonie che, seguendo solitamente il calendario balinese simile a quello indiano, sembrano imprevedibili agli occhi dei turisti occidentali. Celebrazioni e feste vengono svolte per innumerevoli dei e negli anniversari di ognuno degli oltre 20.000 templi dell’isola.

Ogni volta che cucino il bami goreng, questo è il nome del piatto che vi presentiamo, la mia mente va direttamente ai momenti indimenticabili di questo viaggio in una cultura veramente unica. I balinesi poi, amanti di tante arti come la pittura, la scultura e la musica, non hanno certo tralasciato la cucina, ricca di pietanze speziate e profumate: il nasi kukus (riso stufato), il soto (zuppa), i sate ayam (spiedini di pollo) e per ultimo forse il piatto più celebre in occidente: il nasi goreng (riso saltato all’indonesiana). Noi vi proponiamo una variante locale molto diffusa, il bami goreng, preparato con i noodles, gli spaghetti orientali di pasta fresca.

Per prepararlo avrete bisogno di una padella con le pareti alte chiamata wok, che ormai si trova anche nei supermercati.

Ingredienti:

  • 1 cipollotto
  • 1/4 di gambo di sedano
  • 2 pomodori
  • 2 ciuffi di broccoletti
  • 100 grammi di funghi
  • 1/4 di peperone
  • 1/2 carota
  • 2 cucchiai di soya (io preferisco la Kikkoman ma usate quella che preferite)
  • olio extra vergine d’oliva
  • 200 grammi di noodles (spaghetti cinesi) o se preferite usate i tradizionali spaghettini

Tagliate finemente le verdure, mettete a bollire l’acqua (per 5 minuti) e aggiungete i noodles, intanto in padella fate rosolare il cipollotto e aggiungete i pomodori. Ora versate le verdure e aggiungete 1 cucchiaio di soya. Nelle feste, quelle indonesiane, a volte il piatto viene servito con un uovo all’occhio di bue appoggiato sopra.

Se, come noi di Ginger&Tomato, poi amate dare carattere ancora più tradizionale al piatto, quando rosolate il cipollotto, aggiungete un composto, battuto con il mortaio, fatto con aglio, zenzero, curcuma, cardamomo e peperoncino.

Nelle feste, quelle indonesiane, a volte il piatto viene servito con un uovo all’occhio di bue appoggiato sopra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>