Spalla d’agnello alle erbe aromatiche

di B.Raccah 2

Se siete amanti del fastfood e mangiate osservando l’orologio, questo piatto non fa per voi. Occorre pazienza nella preparazione del rituale di questa seconda portata che richiama echi antichi nell’uso del mortaio e del pestello.

Il mortaio è un oggetto utilissimo in cucina. Ne ho apprezzato il valore dopo aver letto un libro che comprai a Londra scritto da Jamie Oliver, un giovane cuoco inglese, dal mio punto di vista strepitoso, capace nel comunicare i concetti base nell’alchimia della preparazione di un buon pasto.

spalla-agnello-dopo-forno.jpg

In effetti, la carne per essere cucinata in maniera eccellente ha bisogno di un grande alleato: Il TEMPO. Vediamo insieme come muoversi.

Ingredienti:

  • 1 spalla a persona (non preoccupatevi, dovreste mangiarla senza difficoltà)
  • rosmarino fresco
  • alloro
  • coriandolo
  • salvia
  • lauro
  • Uno spicchio d’aglio

Prendete il mortaio e battete con decisione questi aromi insieme, eccetto il rosmarino. Una volta che avete battuto l’amalgama, spalmate con cura con le mani (dicono sia fondamentale per avere successo) il composto sulla spalla d’agnello.

mortaio.jpg

Preparate il forno, prima accendendolo a 200° per 20 minuti, poi portate la temperatura a 180°. Prendete una teglia profonda, potete usare quelle di alluminio e riponete l’agnello all’interno adagiandovi sopra e ai lati i rametti di rosmarino.Per ottenere una cottura uniforme, consigliamo di ricoprirlo con un foglio di alluminio.

Il tempo di cottura è di circa 3 ore durante le quali potrete dedicarvi alla preparazione della casa per i vostri ospiti. Se volete, 30 minuti prima di far uscire l’agnello preparate una teglia di patate tagliate a sfoglia, insaporite con il composto che abbiamo ottenuto dalle erbe. E infornate. Siamo sicuri che offrirete ai vostri amici un pasto indimenticabile.