Le ricette per il cheesecake, ecco quello bianconero

di Redazione 0

Sembra che l’origine del cheesecake non sia statunitense, bensì greca. Alcuni storici sostengono che questo dolce, ormai conosciuto, preparato e molto amato anche in Italia, sia stato servito addirittura agli atleti durante i primi Giochi Olimpici nel 776 a.c., anche se pare che il dolce abbia in verità origini che affondano ancora più in là nella storia, arrivando al 2.000 a.c. I Romani hanno poi diffuso il cheesecake, portandolo dalla Grecia al resto dell’Europa. Molti secoli dopo questo buonissimo dolce al formaggio è arrivato in America, grazie agli europei, italiani e non solo, che si sono spostati negli States… insomma, diciamolo, come per il cinema, per la letteratura, e per molti altri aspetti culturali, gli americani sono stati estremamente bravi a far loro e rielaborare qualcosa che arrivava dal vecchio continente! Il cheesecake è da tutti conosciuto come un dolce americano d.o.c. e invece? Questa storia ci racconta di un dolce antico, europeo, che è arrivato oltreoceano e ha fatto la sua fortuna!

Facendo un po’ di ricerche in giro, sui libri di cucina e on line, ho trovato tanti piccoli consigli utili per preparare un ottimo cheesecake. Utilizzare tutti gli ingredienti a temperatura ambiente, quindi tirare fuori il formaggio e le uova un po’ prima dal frigo e amalgamare i biscotti con il burro fuso, che però avrete lasciato un po’ raffreddare. Restando sul fondo della torta, tra burro e biscotti, alcuni consigliano di amalgamare del pangrattato al composto di base, in modo che il grasso del burro venga assorbito meglio e il fondo biscottoso del cheesecake risulti più leggero. Un altro dei consigli è quello di fare bene attenzione a non riempire troppo, e assolutamente non fino al bordo, la teglia che metterete in forno. Il dolce tende a crescere molto, la parte al formaggio si gonfia per poi pareggiarsi e tornare “normale” una volta fuori dal forno, quindi c’è il rischio che trabordi tutto se la crema copre il fondo fino al bordo estremo della teglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>