Mostaccioli di Natale

di Claudia 6



mostaccioli

I mostaccioli, detti anche mustacciuli o mustaccioli, sono dei dolci tipici della tradizione natalizia napoletana. Sono dei dolcetti, simili a grandi biscotti, a forma di rombo, e sono mediamente grandi, circa 10-12cm. Vengono preparati e mangiati durante le feste di Natale, insieme ad altri dolci tipici come i Roccocò. Sono ricoperti di glassa al cioccolato, anche se adesso, come sempre accade nelle evoluzioni e modernizzazioni culinarie, se ne trovano anche ricoperti al cioccolato bianco, alla nocciola e ne ho visti anche alcuni ricoperti con una buonissima glassa arancione, credo all’arancia. Il sapore dell’impasto interno è molto dolce e deciso, forte, come molti dolci della cucina napoletana.

Il nome mostaccioli deriva dal fatto che anticamente, nelle ricette contadine, veniva utilizzato il mosto, per rendere questi grandi biscotti morbidi ancora più dolci.

Con il nome mostaccioli, e con delle varianti dialettali come mostazzoli, cono conosciuti anche altri dolci simili, calabresi e salentini.

Questi dolci vengono consumati dopo i pasti natalizi, e credo sia una tipica tradizione del sud in generale, ma il momento del dolce, nel napoletano, diventa quasi l’inizio di una seconda parte completa ed elaborata del pranzo o della cena, in cui si gustano una quantità di prelibatezze, a volte in maniera eccessiva! Si va proprio da questi classici dolci napoletani, alla frutta secca, prugne, datteri e albicocche, noci, nocciole e mandorle, e poi si passa agli struffoli, e anche alla Cassata Siciliana, che a Napoli arriva tutti i giorni prima di Natale, e anche il 24 e il 25 con una nave direttamente dalla Sicilia, infatti è originale al 100%. Questa ricchezza di dolci tradizionali fa del momento dei pasti durante le feste una vera e propria immersione nelle più antiche radici della città.

Mostaccioli di Natale


Ingredienti

1 kg. farina | 1 kg. zucchero | 350 gr. noci tostate e tritate | 2 limoni grattugiati | 1/2 bustina cannella | una presa sale

Preparazione

  Mescolare insieme tutti gli ingredienti e impastarli con acqua tiepida, fino ad ottenere una pasta morbida, che va lavorata poco e velocemente.

  Ritagliare dalla pasta dei rombi di media grandezza, dello spessore di un mignolo e posizionarli sulla placca del forno ricoperta da carta forno (Se sono troppi cuoceteli in due volte).

  Cuocerli in forno ben caldo, per il tempo che basta a farli crescere e diventare leggermente dorati e croccanti. A vostro piacere ricopriteli di glassa bianca o al cacao.

Ricordiamo anche, oltre ai Roccocò, che molti forse conoscono, con la loro caratteristica forma a ciambella, anche i Raffiuoli, di forma ellittica, preparati con un impasto morbido e ricoperti di glassa bianca, e i Susamielli, a forma di “esse” invece, anch’essi biscottosi e dolci.