Calciuni del Molise. Le frittelline dolci per il Natale 2010.

di Anna Maria Cantarella 2



Tra una settimana esatta sarà Natale. Ormai sono quasi due mesi che vi parliamo di ricette natalizie, regionali e non, quindi il vostro menu dovrebbe essere già abbastanza ricco. Ma i dolci, si sa, non bastano mai quindi approfittiamo di questi giorni per continuare a parlare di idee utili per la cena della vigilia o il pranzo di Natale, ricette in cui potreste cimentarvi anche nel caso in cui voleste offrire un dolce regalo ai vostri amici. Quella di oggi è la ricetta dei calciuni del Molise e la tradizione popolare molisana vuole che questi dolci siano serviti alla fine dei pasti dei giorni di festa. Il finale dolce, nella cucina molisana è sempre il risultato di una combinazione di prodotti e tradizioni. Dalle preparazioni più semplici (i mostaccioli o i dolci con marmellate d’uva, con il naspro o con il mostocotto) a quelle più elaborate per i giorni di festa.

I calciuni sono frittelline dolci, a base di castagne e mandorle e ricoperte di zucchero a velo. Una vera bontà, a base di ingredienti tipicamente invernali e squisitamente natalizi. I dolcetti fritti sono tipici del Natale. Ricorderete infatti che abbiamo già parlato delle seadas sarde e degli struffoli napoletani. Una vera prelibatezza da servire a conclusione di un meraviglioso pranzo delle feste, oppure in uno di quei pomeriggi delle vacanze in cui ci si incontra con gli amici per stare insieme davanti al camino. La ricetta non è complessa ma richiede un po’ di tempo di preparazione, specialmente perchè bisogna lessare le castagne prima di dedicarsi alla preparazione vera e propria della sfoglia di queste frittelle che somigliano moltissimo a dei ravioli dolci fritti.

Calciuni del Molise


Ingredienti

200 gr. farina 00 | 1 cucchiaio miele | 50 gr. mandorle | 2 tuorlo d'uovo | un cucchiaino olio | 1 cucchiaio vino bianco | 100 gr. cioccolato fondente | un bicchierino rhum | 1 cucchiaio acqua | 250 gr. castagne | 25 gr. canditi | cannella | zucchero a velo

Preparazione

   Lessate le castagne in acqua bollente. Quando saranno cotte, spellatele e tritate la polpa.

   In un piano di lavoro, disponete la farina a fontana e disponete al centro i tuorli, l'olio, il vino e l'acqua. Impastate la farina fino a quando non avrete ottenuto un impasto morbido e liscio. Lasciatelo riposare.

   Mescolate le castagne tritate con il rhum, il cioccolato, le mandorle, il miele, la frutta candita e la cannella. Questo impasto servirà da ripieno dei calciuni.

   Stendete la pasta dei calciuni molto sottile e ricavatene dei cerchietti di circa 7 cm di diametro. Potete aiutarvi con un coppapasta. Mettete un cucchiaio di ripieno all'interno di ogni disco e richiudete come se fosse un raviolo.

   Friggete i calciuni in abbondante olio bollente, fino a quando saranno dorati. Scolateli e lasciateli intiepidire. Prima di servirli spolverateli con abbondante zucchero a velo e cannella.

Se vi piace l’aroma di vaniglia, potete aggiungere al ripieno dei calciuni qualche goccia di essenza di vaniglia e addirittura un pizzico di vanillina all’impasto della sfoglia. Ricordatevi sempre di scolare per bene i raviolini e di asciugarli sulla carta assorbente per non fargli assorbire troppo olio.

Commenti (2)

  1. Dato che nel post in questione i commenti sono disabilitati, scrivo qui.
    Vi chiederei cortesemente di rimuovere la mia foto sotto il vostro post dedicato alla farinata http://www.gingerandtomato.com/senza-glutine/ricette-senza-glutine-farinata-ceci/#acommentlist
    Mettere come credit http://www.flickr.com/photos mi sembra un po’ generico, visto che Flickr è genericamente un sito di condivisione di foto. E soprattutto visto che quell’immagine è legata ad un profilo, ossia il mio, per cui il link del credit non sarebbe neanche corretto.
    Grazie.

  2. Abbiamo inserito nome e link del sito dal quale è stata presa l’immagine dei ceci.
    Se ci sono problemi ce lo comunichi e verrà tolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>