Gratin di zucca rossa e Asiago

di Roberta Chiarello 2



Questo è uno dei tanti piatti a base di zucca che ho cucinato per la sera di halloween, serata, ovviamente dedicata in primis ai nostri bambini, che tra scherzetti e dolcetti hanno mangiato piatti sani soprattutto a base di verdure, che, sappiamo bene, non essere particolarmente amate dai bambini.

Per quanto riguarda gli altri piatti, vi prometto che pian piano, ve li svelerò tutti.

Nel frattempo però gustatevi questo gratin leggero, vegetariano, dal gusto molto delicato e sicuramente molto invitante per grandi e piccini….mio figlio e la mia nipotina, lo hanno divorato!

Gratin di zucca rossa e asiago


Ingredienti

1,200 kg. zucca rossa | 200 gr. asiago | 1 cipolla bianca | fiocchetti di burro | sale | pepe | 3 cucchiaio parmigiano

Preparazione

  Togliete la buccia alla zucca, i filamenti e i semi, lavatela con cura e tagliatela a fettine di circa 1 cm di spessore. Pulite la cipolla e tagliatela a fettine molto sottili.

  Mettete le fettine di zucca e la cipolla in un tegame, coprite appena con acqua salata e fate cuocere le verdure, tenendo chiuso il coperchio, a fiamma media, a partire dall’ebollizione dell’acqua, per 10 minuti.

  Tagliate il formaggio Asiago a fettine sottili.

  Ponete sul fondo di una pirofila da forno uno strato di zucca e cipolla e ricoprite con le fettine d’Asiago. Fate un secondo strato di zucca rossa e ricoprite ancora con le restanti fettine di formaggio; distribuitegli sopra il parmigiano e spolverate con del pepe.

  Prima di mettere la pirofila in forno mettete sulla superficie della pietanza dei ciuffetti di burro morbido.

  Fate cuocere in forno già caldo per 15 minuti a 180° in modo da far sciogliere il formaggio. Lasciate riposare il gratin per 10 minuti prima di servirlo, a temperatura ambiente, in modo da far amalgamare bene tutti gli ingredienti..

Come vino, per questa pietanza, vi consiglio un Merlot del Ticino, rosso rubino, intenso, equilibrato, molto corposo, asciutto al sapore, con un piacevole  retrogusto amarognolo e con una delicata nota d’edera.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>