Bocconcini di vitello con zafferano, un leggero secondo piatto

di Anna Maria Cantarella 0



Un secondo piatto caldo e leggero è questo che ci vuole in queste giornate siciliane, funestate dalla pioggia e dal vento. E mentre fuori dalla finestra la pioggia sta praticamente coprendo tutto, io penso a quello che potrei cucinare per stare caldi e non esagerare con i grassi. I bocconcini di vitello allo zafferano mi sembrano la soluzione giusta perchè sono semplici da preparare, profumatissimi e leggeri. In più la preparazione rende questo piatto molto simile ad uno stufato di carne, cosa che fa di secondo a base di carne l’ideale per combattere il freddo intenso e la pioggia. E siccome non voglio farmi mancare niente, li accompagnerò con un purè di patate, che si sposa perfettamente con la carne e lo zafferano.

bocconcini vitello zafferano


Ingredienti

500 gr. polpa di vitello a pezzetti | 2 bustine di zafferano | mezzo bicchiere di vino bianco secco | una cipolla | prezzemolo | brodo vegetale | 3 cucchiaio olio evo | sale e pepe

Preparazione

  Tagliate la cipolla sottile e mettetela in una padella con un poco di brodo vegetale. Cuocete fino a che la cipolla non diventa dorata.

  Aggiungete il vitello (se preferite potreste anche infarinarlo), salate, sfumate con il vino e lasciate insaporire.

  Sciogliete lo zafferano in una tazza di brodo caldo e versatela sulla carne. Pepate e cospargete di prezzemolo tritato.

  Cuocete per circa mezz'ora, aggiungendo brodo se serve. A fuoco spento, condite con olio evo.

Se pensavate che lo zafferano si potesse usare solo nel risotto alla milanese, vi sbagliavate di grosso! In realtà questa meravigliosa spezia arancione che si trasforma in giallo oro, si sposa benissimo anche con la carne e perfino con il pesce (provatelo con i gamberoni!). Se poi non siete convinti, non vi resta che provare la ricetta dei bocconcini di vitello allo zafferano, perchè in cucina si sa, se non si assaggia non si può mai giudicare. I bocconcini si cucinano molto semplicemente e restano morbidi e cremosi. A piacere, potete decidere di passare la carne nella farina prima di immergerla nella pentola e così ottenere un sughetto cremoso, oppure cuocere la carne con tanto brodo e servirla come uno stufato o un bollito. Qualunque sia la vostra scelta il risultato sarà comunque ottimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>