Dalla cucina indiana, dissetiamoci con un lassi

di Redazione 3

3009843706_90138d11281

L’India è famosa per il suo cibo ma molte persone non sanno che vi si preparano tutta una serie di bibite dalle caratteristiche uniche e rinfrescanti. Un tempo bere alcol era vietato in molte culture etniche indiane, di conseguenza non troveremo molte bibite alcoliche. Oggi parliamo del lassi.

Dopo il the indiano, noto come Chai, la bevanda più diffusa è sicuramente il lassi. Si tratta di una bibita, dolce o salata, originaria dell’India del Nord, a base di yogurt o latte fermentato sbattutti con acqua o ghiaccio. A questi si aggiungono, oltre il sale o lo zucchero (ed in alcune versioni anche il miele) delle spezie e/o frutta, molto gettonato è il mango, ma anche la banana.

Nonostante potremmo a prima vista scambiarlo con un frullato, almeno due sono le differenze: la consistenza del lassi infatti risulta molto liquida, tanto che solitamente viene sorseggiato anche come accompagnamento durante i pasti per contrastare la piccantezza dei cibi con i quali viene servito, e l’aroma, che è decisamente speziato. E’ una bevanda dal grande potere dissetante e nutriente.

Dal libro “Cucina dell’india, sapori mistici, millenari” vi propongo questo lassi salato, che si presta anche ad essere dolce con la sostituzione dello zucchero al sale.

Lassi

1 cucchiaino di semi di cumino

3/4 di lt di yogurt naturale

3 cucchiai di succo di limone

1 cucchiaino di sale

Tostare i semi di cumino in un padellino, mesolandoli con un cucchiaio di legno. Poi pestateli in un mortaio e riduceteli in polvere. Tenetene da arte un pizzico e mescolate con molta cura tutti gli altri ingredienti in un recipiente allungando con 1/2 lt d’acqua o semplicemente frullateli

Servite la bevanda fresca o a temperatura ambiente guarnendo con il cumino in polvere tenuto da parte.Se la si desidera dolce non si dovrà fare altro che sostituire al sale la quantità di zucchero desiderata.

[Se ti appassiona la cucina indiana scopri la ricetta del chutney di arance e datteri, e quella del pollo al curry. Se ti trovi a Roma ti sarà utile la recensione sul ristorante Maharaja]

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>