Ciceri e tria, la pasta e ceci salentina

di Fabiana 0



Si chiama ciceri e tria ed è un piatto tradizionale della cucina salentina: è la ricetta molto antica di ceci e pasta che generalmente viene preparata in occasione del 19 marzo, giorno di San Giuseppe e festa del papà. Può essere preparata però durante tutto l’anno con i prodotti tipici del territorio.

È un ottimo piatto invernale perfetto veramente per le giornate più fredde.

Ciceri e tria, la pasta e ceci salentina


Ingredienti

250 gr di ceci secchi | 1 cipolla rossa - 1 spicchio d’aglio - 1 costa di sedano - 1 carota | 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva - 2 foglie di alloro | 80 grammi di farina 00 - 80 gr di semola di grano - acqua tiepida | Parmigiano grattugiato - sale e pepe

Preparazione

   Mettete i ceci a bagno in acqua fredda con il bicarbonato di sodio e lasciateli riposare per tutta la notte. Il giorno successivo sciacquate i ceci e metteteli all’interno in una pentola, copriteli con l’acqua fredda fino a quando non saranno arrivati ad ebollizione.

   Sgocciolate i ceci, ma ricordate di conservate l’acqua di cottura, poi sistemateli all’interno di un tegame di terracotta e aggiungete uno spicchio d'aglio pulito e inciso, una cipolla intera, il sedano, la carota.

   Coprite tutti gli ingredienti con l’acqua e lasciate cuocere a fuoco basso per almeno un paio di ore. Controllate l’acqua visto che i ceci non dovranno restare mai scoperti: dovranno sempre restare coperti dall’acqua per cui eventualmente aggiungetene dell’altra.

   Adesso preparate la tria, in pratica la pasta: lavorate su una spianatoia la farina di tipo 00, la farina di semola di grano e un pizzico di sale, aggiungete un po’ di acqua e lavorate fino a quando non avrete ottenuto un impasto ben liscio e sodo.

   Stendete tutto l’impasto con un mattarello fino a quando non avrete ottenuto una sfoglia bella sottile e ricavatene delle strisce larghe circa due centimetri e lunghe sei. Dividete la pasta in due parti: dovrete lessare la prima metà all’interno dell’acqua di cottura dei ceci, ma senza terminare la cottura. Dovrete invece friggere la nell’olio caldo la seconda metà della pasta.

   A quel punto togliete l'aglio, la cipolla, il sedano e la carota dai ceci, scolate le trie nella casseruola e agguingetele ai ceci. Completate la cottura aggiungendo anche il pepe e aggiungete al piatto le trie fritte con l'olio di cottura, poi amalgamate tutto. Servite in un piatto fondo e aggiungete sale, pepe e infine il parmigiano.

È un piatto facile da preparare, ma i ceci devono essere preparati con un certo anticipo, la notte precedente. È ottimo anche riscaldato e servito il giorno dopo magari arricchito dal parmigiano.

ZUPPA DI CECI ALLA PIEMONTESE

MINESTRA DI CECI, IL PIATTO TOSCANO

BACCALA’ CON I CECI ALLA ROMANA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>