Frutta e gelato, boom dopo l’ondata di caldo

Frutta gelato boom dopo ondata caldo

L’abbiamo tanto desiderato, pensavamo non arrivasse più costringendoci a non vedere mai l’arrivo dell’estate ma eccolo quà, il caldo è arrivato. Quest’anno non dovremmo neanche lamentarci visto la grande attesa che l’ha preceduto. Come ogni anno all’arrivo delle prime temperature estive ecco che tornano ad essere protagonisti: frutta e gelato. Quali migliori alimenti se non questi come alleati contro l’afa? La Coldiretti fa sapere come nel giro di pochi giorni le abitudini alimentari degli italiani siano cambiate drasticamente e come il consumo di frutta e gelati, ma anche dei prosciutti, classicamente abbinati al melone nella preparazione di uno dei piatti estivi più amati, abbia subito un vero e proprio boom.

Ben 4 italiani su 10 in questi ultimi giorni sono tornati a mangiare il gelato, alimento da sempre amato ed apprezzato anche per le sue proprietà nutrizionali, dopo il crollo delle vendite dovuto al freddo ed alle piogge che hanno caratterizzato il mese di maggio. Con essi anche i sorbetti, alternativa sana e decisamente meno calorica adatta a risollevare il corpo dalle alte temperature. I migliori sono senza dubbio i sorbetti alla frutta, ottimo quello al pompelmo, quello al mango e spezie, ma anche quelli a base di ortaggi, particolari se vogliamo ma ottimi per rinfrescarsi, come alle carote e basilico.

Allo stesso modo si registra un incremento anche della vendita della frutta e della verdura. Altrettanto valide come aiuto nell’affrontare l’estate e la conseguente perdita di liquidi con la sudorazione. Ricche di vitamine e sali minerali come sono non possono fare altro che avere un ruolo primario nell’alimentazione estiva quotidiani, compresa quella dei bambini e degli anziani. Se ciò non bastasse è anche da non sottovalutare il fatto che la giusta idratazione fornita da questa tipologia di alimenti, aiuti ad ottenere un’abbronzatura sana e duratura, che si basa anche sul consumo di cibi ricchi di vitamina A.

Photo courtesy of Thinkstock

Lascia un commento