Quiche di asparagi e pancetta, utilizziamo al meglio i prodotti di stagione

di Ishtar 0



Stamattina mi son detta che prima che gli asparagi scompaiano dalla circolazione e dovremo aspettare un anno per vederli di nuovo allietare le nostre tavole, sarebbe bene approfittare della loro presenza ed impiegarli in cucina per sfornare piatti deliziosi. Bene, presto fatto: oggi è la volta della quiche di asparagi e pancetta. La quiche agli apsaragi e pancetta è una deliziosa torta salata con un ripieno ricco di uova che prevede l’utilizzo, come base, della pasta briseè, la quale, a sua volta, può essere sostituita dalla pasta sfoglia. In particolare in questa preparazione della quiche io preferisco di gran lunga utilizzare la prima, soprattutto se ( e lo dico sottovoce) ho in casa un rotolo già pronto.

Quiche agli asparagi


Ingredienti

1 rotolo pasta brisee | 1 kg. punte di apsaragi | 20 gr. burro | 100 gr. parmigiano grattugiato | 100 gr. pancetta a cubetti | 1/2 bicchiere latte | 4 uova | noce moscata | sale | pepe

Preparazione

  Lavare gli asparagi, lessarli bene al dente, scolarlli e farli insaporire a fuoco moderato in un tegame con il burro.

  Disporli a raggiera sul fondo della pasta con cui avete foderato la tortiera da 24 cm di diametro.

  Versare sopra le uova che avrete sbattuto in una ciotola con il latte, il parmigiano, il sale, il pepe ed un pizzico di noce moscata. Aggiungere anche la pancetta a cubetti.

  Infornare a 180 gradi per circa 30 minuti fino a quando la pasta risulterà ben cotta.

Ultimamente il tempo da trascorrere in cucina scarseggia ed ogni escamotage è bene accetto. Se però vi andasse di preparare la pasta briseè in casa, vi suggerisco una valida ricetta:

Pasta briseè

500 gr di farina
250 gr di burro
2 dl di acqua fredda
sale

Disporre la farina a fontana e  impastare velocemente col burro, fare sabbiare. Unire a questo punto l’acqua freddissima e  impastare velocemente. Mettere a riposare in frigorifero avvolta in un tovagliolo per almeno un paio di ore. Tutto quì. Ovviamente ci vuole gran velocità per fare in modo che il burro non si sciolga tra le nostre mani durante la preparazione e l’impasto non “impazzisca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>