Torta di riso alle mele e pinoli, ma con la pasta frolla

di Redazione 0

Un’altra torta di riso? Si, ma non è la solita, o meglio, non è quella a cui siamo solitamente abituati. La torta di riso con mele e pinoli infatti, prevede la presenza di un fondo di pasta frolla, quasi fosse una crostata. Ma all’interno non contiene  creme, bensì un ripieno di riso, mele e pinoli. La torta di riso preparata così è fantastica, io ne sono rimasta estasiata. Il bello è che può (anzi deve, a mio avviso) essere preparata il giorno prima di essere consumata in modo che i diversi composti ed i diversi sapori abbiano il tempo di compattarsi e di fondersi creando un’armonia di gusto.

La torta è cotta quando sulla superficie si sarà creata una crosticina dorata e introducendo uno stecchino al centro della torta ne uscirà asciutto. C’è chi alle mele e ai pinoli preferisce mandorle amare, cedro candito e scorza di limone. O ancora  ai più golosi consiglio delle gocce di cioccolata. Per quanto riguarda il tipo di riso da utilizzare scegliete quello comune o quello originario. Il sapore della torta di riso non deve essere troppo dolce, la sambuca può essere sostituita con il liquore strega o con il rum. Infine potete arricchire l’impasto con dell’uvetta amollata nel liquore prescelto (se decidete di usarlo) e strizzata. Con le mele e i pinoli va a nozze. Se utilizzate uno stampo quadrato o rettangolare, potete servire la torta di riso, mele e pinoli, tagliata a rombi e/o losanghe e decorandola on una spolverata di cannella o zucchero a velo. Nel caso in cui dovesse avanzarvi del riso, potete creare delle frittelle, formando delle palline della grandezza di una noce, passandole nell’uovo sbattuto e nella farina. Una volta fritte cospargetele di zucchero semolato, pura goduria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>