Dolci senza glutine, il budino di ricotta e mandorle

di Anna Maria Cantarella 0



La ricotta nei dolci è un ingrediente speciale. Sarà perchè da buona siciliana mi ricorda tantissimo cassata e cannoli, ma quando devo scegliere una farcia per una crostata penso spesso alla ricotta e la torta di albicocche e ricotta è una delle mie preferite a colazione. Poi la ricotta è un ingrediente versatile che si può utilizzare in preparazioni sia dolci che salate, perchè a differenza di altri formaggi rende tutto più soffice e leggero.

Preparare il budino di ricotta è molto semplice e il risultato è squisito. Innanzitutto procuratevi la ricotta fresca di mucca, ma fate attenzione che sia ben sgocciolata da siero in eccesso. Se vedete che è troppo umida, lasciatela una notte in un piccolo scolapasta con sotto un contenitore che raccolga il liquido. Poi montatela bene per farla diventare soffice e vellutata e incorporate la farina e le uova. Basterà infornare il budino per circa  30 minuti e il gioco è fatto. Questo budino è perfetto per la merenda dei bambini, ma se non fosse destinato a loro potete aggiungere all’impasto due cucchiai di brandy o di rum.

budino di ricotta e mandorle


Ingredienti

300 gr. ricotta | 150 gr. zucchero a velo | 100 gr. mandorle dolci pelate | 50 gr. fecola di patate | 30 gr. burro | 6 uova | scorza grattugiata di un limone

Preparazione

  Tritare finemente, nel frullatore, con l'aggiunta di un po' di zucchero le mandorle.

  Passare al setaccio la ricotta lasciando cadere il passato in una terrina, con una frusta montarla bene fino a renderla ben soffice. Unire lentamente lo zucchero al velo, 2 tuorli e 4 uova, uno alla volta, non unendo il successivo se il precedente non sarà stato ben amalgamato.

  Quando le uova saranno state ben amalgamate al composto, aggiungere la fecola, le mandorle tritate, la scorza grattugiata del limone.

  Versare il composto nello stampo imburrato ed infornare a forno già caldo (180°) per circa 30-40 minuti. A cottura ultimata, sfornare, lasciare raffreddare, capovolgerlo sul piatto da portata e servire.

Un’altra possibilità è quella di aggiungere all’impasto l’uva passa o le gocce di cioccolato. O perché no, una glassa di cioccolato o di limone o addirittura il caramello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>