Costolette in pastella con tartufi

di Claudia 0



La ricetta che vi propongo oggi per queste costolette in pastella con tartufi è davvero ricca, elaborata e speciale, adatta per essere preparata per un’occasione importante, ma volendo anche per una tranquilla cena in famiglia, per la quale avrete del tempo a disposizione da dedicare alla preparazione di questo piatto. L’esecuzione della ricetta tutto sommato non è poi così lunga, ma solo molto delicata, visto che andremo a sovrapporre le costolette “ripiene” di parmigiano e tartufo e dovremo poi fare molta attenzione che durante la cottura non si aprano, facendo fuoriuscire la gustosa e delicata farcitura.

Costolette in pastella con tartufi


Ingredienti

400 gr. fesa di vitello | 80 gr. burro | 1 tartufo | 1 tuorlo d'uovo | parmigiano grattugiato | pangrattato | farina | sale

Preparazione

   Tagliare la fesa e appiattirla con il batticarne sul piano da lavoro, quindi ricoprire ogni fetta con un po' di parmigiano e qualche fettina di tartufo. Coprire infine con un'altra fetta di fesa.

   Preparare una pastella: stemperare un cucchiaio di farina con un cucchiaio d'acqua, unire il tuorlo e un pizzico di sale, mescolare.

   Passare le costolette nella pastella e poi nel pangrattato e friggerle nel burro, facendo attenzione che non si aprano.

   Salarle e lasciarle dorare bene da entrambi i lati. Servirle ancora ben calde.

Il contorno ideale per queste costolette di vitello sono le patate. Scegliete la versione che più vi piace, classiche al forno ad esempio, anche se vi consiglio in questo caso la cottura con la buccia e qualche aroma, che le renderà ancora più saporite. Non dimentichiamoci poi il purè, che piace tanto ai più piccini, oppure delle semplice patate lesse all’insalata, da condire solo con sale, olio e prezzemolo.

Io poi adoro le patate al cartoccio, in questo caso ricordate solo che la cottura è piuttosto lunga, richiede all’incirca un’oretta e che le patate saranno davvero buonissime ancora calde, da scartocciare con cura e condire con poco sale e una piccola noce di burro da lasciar sciogliere al loro interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>