Paccheri ripieni di pesce

di Anna Maria Cantarella 0



Per il pranzo di Natale ho tirato fuori tutte le ricette di primi piatti di pesce che conosco e tra queste i paccheri ripieni di pesce. Per quanto io sia diffidente nei confronti della cucina del pesce, con questa ricetta ho trovato il giusto compromesso tra la praticità, il sapore e la soddisfazione di mettersi a preparare una ricettina un pochino più elaborata. Per riempire i paccheri ho scelto di preparare un ragù di pesce spada, uno dei pochi pesci che amo, perchè ha un sapore delicato e soprattutto non ha le odiosissime spine. Prepararlo è semplicissimo e sono necessari pochi minuti, ma vi assicuro che otterete un primo piatto che renderà il vostro Natale 2012 indimenticabile!

paccheri ripien di pesce


Ingredienti

300 gr. paccheri | 200 gr. pesce spada in trancio | 250 gr. pomodori pachino | 2 acciughe sotto sale | vino bianco | olio evo | 2 spicchi d'aglio | sale e pepe

Preparazione

  Ripulite il trancio di pesce spada: eliminate la pelle esterna; tagliatelo a striscioline e poi a cubetti.

  Schiacciate i due spicchi d'aglio e fateli rosolare in abbondante olio evo. Appena comincia a sfrigolare, aggiungete le due acciughe dopo averle lavate per bene sotto l'acqua corrente.

  Appena si sciolgono le acciughe, aggiungete i pomodorini tagliati in 4 e fateli saltare in padella per circa 5 minuti. Aggiungete il pesce spada e continuate la cottura. Dopo altri 5 minuti sfumate con il vino bianco.

  Continuate la cottura per altri tre minuti, regolate di sale e pepe e aggiungete un po' di prezzemolo tritato.Continuate la cottura fino a quando il ragù non sarà ben stretto. direttamente nella padella del sugo.

  Lessate la pasta in acqua salata e scolatela. Condirla con un filo d'olio affinché non si appiccichi. Riempite i paccheri con il composto di pesce spada, aiutandovi con un cucchiaino e metteteli in una pirofila. Ricopriteli con il sugo rimasto e servite.

I paccheri – o schiaffoni – sono un formato di pasta molto simile ai maccheroni ma decisamente più grande, molto diffuso nel sud Italia. Per questa ricetta andrebbe altrettanto bene anche la calamarata, un formato di pasta corta molto simile ai paccheri ma più corto, che somiglia agli anelli di calamaro da cui prende il nome. Se poi non riusciste a procurarvi nessuno di questi formati, potete utilizzare i conchiglioni, che si possono riempire allo stesso  modo e si servono in teglia, posizionati in modo che il ripieno non esca fuori. Se avete a disposizione dei pomodorini rossi e maturi la ricetta dei paccheri ripieni di pesce sarà perfetta, altrimenti utilizzate una passata di pomodoro, facendo attenzione che sia quella rustica, con i pezzettoni di pomodori per cercare di riprodurre al meglio il risultato originale della ricetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>