Salvatore De Riso, dolci squisiti dalla costiera amalfitana

di Redazione 0

salvatore de riso dolci squisiti costiera amalfitana

Salvatore De Riso secondo me, è uno dei più bravi pasticceri di cui l’Italia si possa vantare. Dalla costiera amalfitana, tutta mare e sole, arrivano i suoi dolci che sanno di limone, di caffè, di ricotta e di tutte quelle specialità che solo in Italia sappiamo adoperare così bene nei dolci. La sua storia ha radici lontane e potremmo farla risalire al 1908, quando la famiglia De Riso inizia a gestire un bar tabacchi nella piazza centrale di Minori. Poi nel 1989, Salvatore De Riso, dopo aver studiato da cuoco e fatto esperienza nelle cucine dei migliori ristoranti di Amalfi, scopre la sua passione per i dolci e apre la “Pasticceria De Riso” sul lungomare di Minori, che in poco tempo diventa una delle più importanti e conosciute in tutta l’Italia.

Sal De Riso abbiamo imparato a conoscerlo anche grazie alla sua partecipazione al programma televisivo “La Prova del cuoco“, dove una volta a settimana propone a noi, comuni mortali un po’ imbranati, le sue eccellenti ricette di dolci. Il suo segreto? Utilizzare ingredienti di alta qualità e soprattutto mescolarli con perizia, senza lasciare niente al caso. Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni, seguendo le sue ricette, è che nei dolci la precisione è essenziale e le misurazioni degli ingredienti devono essere meticolose e il procedimento seguito alla lettera. Se volete conoscere un po’ di più Sal De Riso e magari anche provare qualche sua creazione, potete acquistare i suoi due libri “Dolci del sole” e “Dolci in famiglia“, in cui insieme alla storia del dolce e a qualche aneddoto sulla vita di Sal, troverete anche molte delle sue più famose ricette.

Photo Credit| Sal De Riso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>