Vignarola alla romana, la ricetta primaverile

di Fabiana Commenta



È la vignarola, detta anche vignarola alla romana, uno dei piatti tipici della primavera che non può mancare neppure sulla tavola di Pasqua. È un piatto vegetariano, pertanto adatto veramente a tutti, è preparato con le primizie di stagione e intatti è anche denominato piatto dell’orto.

carciofi, vignarola, pasticcio di carciofi e maccheroncini, carciofi

In effetti si tratta di un piatto semplice da preparare che vanta un’antica origine contadina. 

Vignarola alla romana, la ricetta primaverile


Ingredienti

500 gr. Piselli freschi | un cespo lattuga | 500 gr. fave fresche | 250 gr. cipollotti | 100 gr. guanciale | Olio - pecorino - menta - sale - pepe

Preparazione

  Sgranate la metà dei baccelli con le fave e tenetene da parte la seconda metà. Tagliate il guanciale a dadini e mettetelo da parte. Preparate i cipollotti eliminando la parte più verde e poi tagliateli a pezzetti. Lavate e preparate i carciofi eliminando anche la parte più dura con le foglie esterne.

  Tenete da parte i gambi e tagliateli a spicchi, po metteteli in una ciotola con acqua e limone in modo tale da non lasciarli annerire.

  Lavate con cura la lattuga e tagliatela a listarelle. Preparate un brodo con tutti gli scarti delle verdure preparate, inclusi i baccelli di fave e i piselli, e aggiungete anche il sale. Non appena il brodo è pronto, togliete le verdure dalla padella e lasciate il brodo a fiamma bassa.

  Ora preparate le verdure: versate olio e guanciale in una padella ampia e lasciate cuocere a fuoco basso fino a quando il guanciale non diventa trasparente, poi aggiungete i cipollotti e lasciateli imbiondire.

  Unite i carciofi e girateli per lasciarli colorire su tutti i lati. Versate anche un mestolo di brodo, coprite e poi lasciate cucinare a fuoco medio per almeno 5 minuti. Aggiungete anche le fave e i piselli, mescolate e versate un secondo mestolo di brodo. Lasciate cucinare per circa 10 minuti dell’altro brodo caldo, ma solo ne necessario.

  Una volta che le verdure si saranno cotte, aggiungete anche la lattuga e qualche foglia di mentuccia romana, poi mescolate con cura e aggiungete sale e pepe e continuate la cottura fino a quando tutti gli ortaggi non saranno cotti uniformemente. Aggiungete qualche scaglia di pecorino romano. Servire la vostra vignarola con il pane.

Qualcuno dice che veniva preparato con verdure che venivano coltivate fra le vigne, altri sostengono che il nome deriva dai vignaroli che vendevano frutta e verdura nei mercati romani, altri che era il piatto tipico dei contadini che lavoravano nelle vigne. Quel che è certo è che è un secondo piatto che mette d’accordo tutti e che si abbina perfettamente anche al ciambellone salato, al pane e che può essere servito come antipasto estremamente gustoso. Un vero must a base di piselli, fave e cipollotti che potrete servire anche con dadini di pane croccanti ripassati in padella.