Come storpiare la gastronomia italiana: le tradizioni non italiane più famose

di Anna Maria Cantarella 1

La cucina italiana è una delle più famose del mondo, ma è anche vero che molte delle ricette che in giro per il mondo vengono definite “italiane”, col Bel Paese hanno poco a che fare e qui sono per lo più sconosciute. Avete presente la tovaglia a quadrettoni bianchi e rossi? Per qualche strano motivo nella maggior parte dei ristoranti italiani in America i tavoli sono rivestiti di tovaglie di questo tipo per ricordare un ambiente tipicamente italiano, con grande delusione dei turisti che vengono a visitare le nostre città e restano delusi nel constatare che da noi queste tovaglie non si usano mai. E che dire della pasta con il Ketchup? Per un italiano è un vero abominio culinario, roba da rabbrividere al solo pensiero. Eppure in giro per il mondo non è raro sentir dire che si tratta di un abbinamento tipico della nostra gastronomia. La verità è che alcune tradizioni bollate come italiane, in realtà provengono dalla tradizione culinaria italo-americana, che anche se ha qualche somiglianze con la nostra, in realtà è molto distante.

C’è poi il variegato mondo delle ricette che vengono spacciate per italiane mentre qui sono praticamente sconosciute. Una di queste è la Caesar Salad che secondo la tradizione sarebbe un’invenzione del cuoco italiano Caesar Cardini ma che in Italia è poco diffusa. E poi le fettuccine Alfredo, uno dei piatti “italiani” più conosciuti in America e praticamente sconosciuti in Italia. Si tratta di un piatto di fettuccine condite con burro e parmigiano che sono state inventate dal cuoco romano Alfredo Di Lelio. Il piatto non ha avuto alcun successo in Italia mentre in America è praticamente diventato il piatto simbolo della nostra cucina, e in particolare di quella romana.

Ricorderete sicuramente la famosa scena del cartone animato Lilli e il Vagabondo in cui i due cagnolini, a cena nel retro di un ristorantino italiano, si guardano teneramente negli occhi davanti a un piatto di spaghetti con le polpette. Anche se in Italia piatti simili sono diffusi specialmente al sud, in genere le polpette sono molto piccole, diversamente dal piatto ormai diffuso negli States. Infine l’abbinamento più assurdo è quello degli spaghetti alla bolognese, praticamente una delle ricette più famose al mondo. Strano ma vero, a Bologna nessuno mai vi servirà gli spaghetti conditi con il ragù alla bolognese. Sebbene possa sembrare un dettaglio di poco conto, il ragù si serve esclusivamente con le tagliatelle all’uovo e in generale in Italia, siamo molto attenti ad abbinare il formato di pasta con il condimento adatto.

Per concludere il nostro viaggio nelle tradizioni non italiane più famose cito il cappuccino a fine pasto e “The Feast of the Seven Fishes”. La prima è un’abitudine per noi assolutamente estranea. La “festa dei sette pesci” invece, è considerata la festività italiana più famosa in America. Se è vero che in molte regioni d’Italia si usa mangiare pietanze a base di pesce la Vigilia di Natale, è anche vero che da noi una festa e una tradizione con un nome simile non sono mai esistite.

Fonte: Italian food lovers

Commenti (1)

  1. Ottimo articolo, ne farò un punto di riferimento, chissà che quanto letto non possa aiutare anche me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>