Esistono i cibi afrodisiaci?

di Camilla Salaorni 5

C’è chi ci spera come ultima chance di ritrovare il vigore perduto, chi è mosso unicamente da sete di conoscenza e chi, come me, ha una semplice e sana curiosità ma tutti ci siamo domandati almeno una volta se esistano o meno particolari cibi che una volta assaggiati possano liberarci da tutte le inibizioni e che permettano alle passioni di travolgerci totalmente.

In realtà nessuno ha mai dimostrato che far mangiare un gambero al proprio amore assicuri una nottata di fuoco nè si è mai sentito di terapisti che per salvare la vita sotto le lenzuola di coppie annoiate abbia consigliato loro di fare scorpacciate di ostriche… Allora perchè dopo tanti secoli continuiamo a crederci ciecamente?
Cerchiamo di conoscere meglio questi fantomatici cibi afrodisiaci.

Afrodisiaco si dice di sostanze che hanno il potere di stimolare e potenziare desiderio e carica sessuale.
Tale termine deriva dal nome della dea greca Afrodite, dea dell’amore, della fertilità e della bellezza, la stessa dea che sarà conosciuta con il nome di Venere dai latini.


Anche l’abitudine ad organizzare banchetti dal sapore afrodisiaco risale all’antichità quando si ritenevano indispensabili a questo scopo aragoste, ostriche, frutti di mare… per poi passare a tempi più recenti quando si sono aggiunti anche caviale, tartufo e champagne.

La lista però non finisce qui; sono rimasta a dir poco sbigottita di fronte alla quantità di cibi ritenuti afrodisiaci: anice, asparagi, avocado, caviale, champagne, cioccolato, fichi, mandorle, aglio, sedano, funghi, peperoncino, zafferano, pepe, cannella, senape…. eccetera eccetera!
Insomma, secondo questa lista dovremmo essere sempre in preda ai bollori!!!

La realtà dei fatti è che poichè nessuno conosce la verità al riguardo e proprio perchè non esistono prove tangibili dell’esistenza o della non esistenza del, passatemi l’espressione, frutto della passione, ci sarà sempre qualcuno che porterà un piatto di asparagi formato famiglia al proprio partner incrociando le dita sotto il tavolo!

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>