Ricetta salata, gnocco fritto alla modenese

di Fabiana Commenta



In dialetto si chiama gnòc fret, ma in pratica parliamo dello gnocco fritto, una ricetta tradizionale diffusa in tutta l’Emilia Romagna. Come ogni ricetta che si rispetti presenta non poche varianti in base alla città, ma sono tutte buonissime.

modena, gnocco fritto

In particolare, la ricetta dello gnocco fritto di Modena si caratterizza per l’aspetto gonfio che gli viene regalato dalla presenza dell’acqua frizzante ghiacciata e dello strutto nonostante l’impasto non presenti nessun tipo di lievito.

 

Ricetta salata, gnocco fritto alla modenese


Ingredienti

250 gr. farina | 60 ml di acqua frizzante ghiacciata - 60 ml di latte freddo | sale | un cucchiaino | 20 gr. strutto | olio extravergine

Preparazione

  Versate all’interno di una ciotola capiente la farina e un pizzico di sale. Amalgamate e aggiungete subito l'acqua frizzante e il latte che dovranno essere ben freddi per la buona riuscita della ricetta.

  Amalgamate tutti gli ingredienti con una forchetta e aggiungete lo strutto, irrinunciabile per la ricetta. Impastate a mano gli ingredienti nella ciotola fino a quando non avrete ottenuto un bel panetto di impasto.

  Trasferite il panetto sul piano di lavoro infarinato e continuate ad impastare fino a quando non avrete ottenuto un impasto liscio ed elastico. Spolverizzatelo con la farina e stendetelo fino a ottenere uno spessore di circa mezzo centimetro.

  Preparate tutti i vostri gnocchi. Con una rotella apposita andate a tagliare dei rettangoli o dei rombi e sistemateli l’uno accanto all’altro.

  Scaldate l’olio in una padella con i bordi alti e poi friggete tutti i vostri pezzi. Tenete presente che i vostri gnocchi tenderanno a gonfiarsi: una volta che cominceranno a cuocere risaliranno l’olio e si gonfieranno in pochi secondi. Lasciate cuocere ogni gnocco per almeno 1 minuto e poi rigiratelo. Una volta cotto lasciatelo asciugare sulla carta assorbente e servite i vostri gnocchi.

Lo gnocco fritto va abbinato ai classici formaggi e affettati della tradizione regionale esaltandone  il sapore e la forma caratteristica che rappresenta una sorta di rombo. Lo gnocco fritto è perfetto come antipasto, come primo piatto, come cena e rappresenta un piatto di continuità creato dalla civiltà contadina e arrivato fino ai nostri giorno. Il problema è che un pezzo tira davvero l’altro e una vola assaggiati gli gnocchi fritti non riuscirete più a farne a meno.