Le patate stufate, un contorno per l’inverno

di Anna Maria Cantarella 2



Quando arriva il freddo trovo che sia gradevolissimo mangiare pietanze calde. Le zuppe e gli stufati secondo me sono perfetti per rispondere a questa esigenza, specie se accompagnati da una bella fetta di pane casereccio. Così ieri sera mi sono preparata un bel piatto di patate stufate, una ricetta che mi ricorda tantissimo le sere d’inverno davanti al caminetto. Lo stufato è normalmente un piatto a base di carne, ma questa variante a base di patate è ottima. E’ un piatto che richiede una preparazione abbastanza semplice e che si può utilizzare per accompagnare un secondo di carne. Io però in genere lo cucino semplicemente per accompagnare delle uova sode. La miscela degli ingredienti, patate, piselli e bacon è un perfetto equilibrio tra sapori dolci e sapori forti. Quando ho più tempo friggo prima velocemente le patate tagliate a pezzi grossi in olio ben caldo, finchè non sono dorate di fuori ma ancora crude dentro. Altrimenti, si possono unire al resto degli ingredienti anche completamente crude, facendo però attenzione che i pezzi non siano troppo grossi, perchè altrimenti rischiano di rimanere duri in qualche punto. Una spruzzatina di paprika dolce alla fine e un bel bicchiere di vino rosso saranno una rifinitura perfetta per accompagnare il piatto.

patate stufate


Ingredienti

1 kg. patate | 100 gr. bacon | 100 gr. piselli | salsa di pomodoro | 1 spicchio di aglio | cipolla | alloro | 1/2 bicchiere vino bianco | sale e paprika dolce

Preparazione

  Tagliate le patate a dadetti e friggetele a fiamma vivace in olio extravergne d'oliva. Quando sono dorate all'esterno ma ancora crude, scolatele e tenetele da parte.

  Nella stessa padella aggiungete un pizzico di olio e fate rosolare il bacon, l'alloro, la cipolla e lo spicchio d'aglio. Poi aggiungete i piselli, salsa di pomodoro a piacere e la paprika. Lasciate cuocere qualche momento e poi aggiungete 1/2 bicchiere di vino bianco

  Quando il sugo si sarà ridotto della metà aggiungete le patate, coprite con acqua bollente e regolate sale e pepe. Fate cuocere a fiamma bassa per 12-15 minuti. Dovete ottenere una salsa piuttosto densa.

  A fine cottura spolverizzate con prezzemolo tritato e servite.

Quando si cucina un piatto a base di patate bisogna districarsi tra le varietà che esistono in commercio. Come scegliere la varietà migliore? Dipende dal modo di cottura e dal piatto che si vuole preparare. La qualità della polpa delle patate dipende dalla percentuale di amido e di acqua che contengono. Quelle con poco amido hanno la polpa soda e non si spappolano facilmente durante la cottura: sono quindi adatte per cucinare l’arrosto e per lo spezzatino. Quelle che hanno molto amido e poca acqua tendono più a disfarsi, per questo sono ideali per il purè, gli gnocchi e per le patate da cuocere al forno con la buccia. Purtroppo, sia perché costano davvero poco, sia perché vengono ritenute un cibo da poco, i negozianti prestano loro poca attenzione e raramente si ha la possibilità di scegliere tra una varietà e l’altra e più spesso occorre adattare la preparazione alle patate che si riescono a trovare.

Commenti (2)

  1. Ricetta vegetariana con bacon? WTF?

  2. Giusta osservazione. Mi scuso per la svista. Ho già corretto! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>