Spaghetti al nero di seppia da Cotto e Mangiato

di Ishtar 0



 

Gli spaghetti al nero di seppia rappresentano un primo piatto decisamente particolare, che una volta portato in tavola non fa altro che catturare su di se l’attenzione. Si tratta di una pietanza talmente irresistibile da far si che si possa passare anche sul fatto, poco piacevole, di colorarsi la bocca, denti e lingua compresi, di nero, dopo averli mangiati. Non solo, non fare il bis è quasi impossibile. Di una facilità imbarazzante, gli spaghetti al nero di seppia non richiedono grande abilità o troppo tempo per la loro preparazione.

Spaghetti al nero di seppia


Ingredienti

nero di seppia | olio evo | 1 cipolla | 200 gr. pomodori pelati | 200 gr. spaghetti

Preparazione

  Affettare sottilmente la cipolla, quindi farla soffriggere in poco olio. Unire i pomodori pelati e fare insaporire per qualche minuto.

  Mettere a lessare gli spaghetti in acqua bollente salata e unire in padella con i pomodori il nero di seppia, regolare di sale ed unire gli spaghetti.

  Mescolare bene, fare saltare qualche istante, quindi servire ben caldi.

La ricetta in questione proviene dalla trasmissione Cotto e Mangiato, notoriamente fonte di pietanze succulente ma allo stesso tempo di facile realizzazione, caratteristiche queste che risultano sempre ben gradite ed apprezzate soprattutto da chi abbia poco tempo a disposizione da dedicare alla cucina ma non voglia rinunciare a piatti gustosi.

Il condimento è fatto di pochi e semplici ingredienti, pomodori freschi pelati e del nero di seppia, appunto. Abbiate l’accortezza di prestare molta attenzione nel maneggiarlo perchè potreste macchiarvi. Altre ricette sul tema sono le tagliatelle al nero di seppia senza glutine ed il risotto al nero di seppia, con la ricetta spiegata passo passo per ottenere un risultato perfetto. Provate anche la paella al riso nero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>