Vellutata di melanzane profumata alle erbe con amaretti di Saronno

di Roberta Chiarello 3



Vellutata di melanzane profumata alle erbe con amaretti di Saronno

Questo piatto, nasce dalla necessità di far fuori delle verdure rimaste in frigorifero per troppo tempo! E, visto il freddo di questi giorni, mi è sembrato opportuno provare un piatto, assolutamente inventato, assolutamente mai fatto e, soprattutto, assolutamente caldo!

La scelta degli amaretti è stata casuale, ma, azzeccatissima, secondo me, perché da alla vellutata un retrogusto dolciastro che si fonde perfettamente con il sapore un po’ pungente e amarognolo delle melanzane.

La consistenza di questa pietanza è tutt’altro che brodosa; è davvero una vellutata, scivola finemente in bocca, lasciandovi una gradevole sensazione di morbido, di dolce, di delicato e nello stesso tempo di sapido e gustoso.

Vellutata di melanzane profumata alle erbe con amaretti di Saronno


Ingredienti

2 Melanzane | 1 zucchinette genovesi | 3 patate | 1 cipolla bianca | 4 pomodori maturi | una manciata sedano | 1 cucchiaio zucchero | 3 dado vegetale | una manciata finocchietto selvatico | trito di salvia, menta e rosmarino | amaretti di Saronno | pepe | olio extra vergine d'oliva | 50 gr. burro | 100 gr. parmigiano | 70 gr. fontina

Preparazione

  Tritate la cipolla (foto 1) e fatela imbiondire appena, appena in poco olio; aggiungete le patate tagliate a tocchettni (foto 2), fatele rosolare un po’ ed unite il sedano tritato (foto 3) (io ne tengo sempre un po’ congelato in frizer). Lavate e tagliate a cubetti la zecchinetta e le melanzane, unitele alle altre verdure (foto 4) ed in fine aggiungete i pomodori (foto 5). Fate in modo che tutti gli ingredienti si mischino, mescolando molto bene e mantenendo un fuoco medio.

  Unite i dadi e lo zucchero (foto 6), l’acqua calda (foto 7), il finocchietto, il trito di erbette (foto 8) e, dopo aver mescolato molto bene, lasciate le verdure a stufare (foto 9) per almeno 20/25 minuti a fuoco medio.

  Una volta ultimata la cottura delle vostre verdure, aggiungete il pepe, e frullate il tutto (foto 10) fino ad ottenere una crema morbida e vellutata senza alcun residuo di pezzettini di verdure (foto 11).

  Aggiungete il parmigiano (foto 12), frullate ben bene, accorpate il burro (foto 13)e mescolate fino a che non si sia sciolto completamente.

  Tagliate a pezzettini la fontina (foto 14), dopo averla privata della buccia, riaccendete il fuoco a fiamma media e fatela sciogliere senza mai smettere di mescolare.

  Servite con una spolverata di amaretti di Saronno sbriciolati (foto 15) e con fettine di pane (foto 16) che avrete in precedenza abbrustolite in forno con il grill.

Il vino che vi consiglio è un Chianti delle colline pisane, ed esattamente, il bianco Montescudaio, giallo paglierino, limpido, delicatamente fruttato, dai toni floreali e dal sapore gradevolmente secco.