Sfincione Palermitano, la pizza siciliana

di Fabiana Commenta



Si chiama Sfincione Palermitano ed è una sorta di pizza, ma veramente ricca, un piatto tradizionale della cucina siciliana e in particolare della cucina palermitana.

pizza

La differenza rispetto all’impasto della pizza vera e propria consiste nella leggerezza dell’impasto che è decisamente più digeribile rispetto alla classica pizza: il metodo di lievitazione e di lavorazione degli ingredienti arriva direttamente dall’antichità, un po’ come la tradizionale pinsa romana. 

Sfincione Palermitano, la pizza siciliana


Ingredienti

1 kg Farina 00 - 1 kg Farina di grano duro - 50 g Lievito di birra - 1 cucchiaio Sale - 1 cucchiaio Zucchero | 120 g Strutto - 3 Cipolle bianche - 12 Sarde | 600 g Passata di pomodoro | 100 g Pangrattato - 150 g Caciocavallo | 2 cucchiai Origano - q.b. Olio extravergine di oliva

Preparazione

  Setacciate le farine all’interno di una ciotola, aggiungete anche il sale, lo zucchero e il lievito sbriciolato, e lavorate con l’acqua tiepida necessaria e lavorate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Trasferite il tutto su una spianatoia un po’ infarinata, aggiungete anche lo strutto e lavorate per circa 20 minuti.

  Formate una palla, incidete sopra una croce e coprite con un canovaccio pulito lasciando lievitare tutto per due ore almeno. Trascorso il tempo necessario, riprendete l’impasto e lavorate di nuovo l’impasto e lasciatelo lievitare per 1 ora. Ora riprendetelo e poi lavoratelo con le mani e foderate una teglia rettangolare.

  Condite lo sfincione con olio extravergine di oliva e un pizzico di sale, coprite con una dose generosa di passata e lasciate lievitare per 30 minuti. Tagliate la cipolla a fettine molto sottili distribuitela sulla superficie e aggiungete anche le sarde, sciacquate e asciugate.

  Lasciate cuocere in forno caso a 180 °C per 15 - 20 minuti. Aggiungete anche il caciocavallo, spolverizzate con il pangrattato e l’origano e lasciate cuocere per altri 15 minuti, poi sfornate e servite.

L’impasto viene poi arricchito con una serie di ingredienti tradizionale della gastronomia siciliana, vale a dire, le sarde sotto sale, il caciocavallo tagliato a dadini, l’origano, le cipolle, ma tagliate sottili, l’olio extravergine e il sale. 

Perfetta per il sabato sera o per una cena tra amici. 

PIZZA FRITTA VEGANA DI ANTONINO ESPOSITO 

PIZZA FILANTE CON PROSCIUTTO E CON FICHI

PIZZA ROMANA CON SALSICCIA E CON FUNGHI