Supplì alla romana, la ricetta tradizionale

di Fabiana Commenta



Come cominciare nel migliore dei modi la settimana? Per affrontare il lunedì non resta che preparare un piatto gustoso: i supplì alla romana sono la risposta giusta soprattutto se preparati seguendo la ricetta tradizionale. Sono deliziosi fritti a base di riso cotto nel sugo di carne, ripiene di fiordilatte filante, i supplì sono golosi e semplici da realizzare. 

Supplì ai porri e mortadella

Perfetti come piatto unico, sono indicati anche come secondo piatto, come anticipato insieme alle pizza e ovviamente conoscono tante varianti diverse tutte da provare. 

Supplì alla romana, la ricetta tradizionale


Ingredienti

1 kg Riso | 1 chilo di macinato di vitello | 800 g Passata di pomodoro - 30 g Concentrato di pomodoro | 100 Cipolle bianche - 300 Parmigiano - 400 g Mozzarella | 50 g Vino bianco - 50 ml Olio extravergine di oliva | 6 foglie Alloro - Rosmarino - Brodo di carne - Pepe bianco - Uova - Pangrattato - Olio di arachidi - sale

Preparazione

  Prendere una casseruola e lasciatevi soffriggere all’interno la cipolla, tritata, insieme a un goccio di olio di oliva, aggiungete anche il macinato di vitello e mescolate e poi lasciate insaporire per qualche minuto. Lasciate cuocere per circa 10-15 minuti e sfumate con il vino. Profumate con l’alloro e il rosmarino, aggiungete il sale e il pepe e lasciate cuocere per altri 10 minuti.

  Togliete le erbe, versate la passata e il concentrato di pomodoro, stemperato già nel brodo caldo: lasciate cuocere per 30 minuti. Aggiungete anche il riso, mescolate e portate a cottura, aggiungete il brodo caldo via via che viene assorbito.

  Aggiungete il sale, spegnete e incorporate il parmigiano grattugiato. Versate il riso su un vassoio ampio e poi lasciate raffreddare. Tagliate il fiordilatte a pezzetti, raccoglieteli in un colino e poi lasciateli scolare. Preparate i supplì: prendere un po’ di riso con le mani, mettete al centro un pezzetto di fiordilatte e richiudete bene formando delle crocchette ovali piuttosto grandi.

  Ora passare i supplì nelle uova già sbattute, e poi nel pangrattato. Friggeteli in olio di semi ben caldo e non appena saranno ben dorati, e in modo omogeneo, scolateli e lasciateli asciugare sulla carta assorbente da cucina. Serviteli ben caldi per gustarli al meglio.

La ricetta tradizionale coincide con i classici supplì al telefono. Separando le due metà del supplì la mozzarella filante rappresenterà il filo tutto da assaporare. 

 

SUPPLI’ CON PORRI E CON MORTADELLA

ARANCINI DI SANTA LUCIA, LA RICETTA PALERMITANA

SUPPLI’ DI COTTO E MANGIATO