Capitone fritto, la ricetta napoletana

di Fabiana Commenta

È un vero must in tutte le case napoletane in occasione delle feste di Natale: la tradizione vuole che il capitone fritto non debba mancare sulla tavola di ogni famiglia e che debba essere acquistato proprio la mattina del 23 dicembre per essere certi che sia veramente fresco per essere poi preparato la sera della Vigilia.

Una volta portato a casa, il capitone va tenuto in ammollo per circa 24 ore: si può anche acquistare pulito direttamente in pescheria e velocizzare la preparazione. La pulizia del capitone è abbastanza complessa perché va decapitato, va tagliata la coda va eviscerato con un lungo taglio sulla pancia prima che venga tagliato a pezzetti delle stesse dimensioni. Perfetto da servire come antipasto o come secondo piatto per le feste di Natale e per le feste di fine anno, il capitone va gustato quando è ancora bello fumante. 

CAPITONE IN UMIDO, LA RICETTA PUGLIESE

NATALE, I PIATTI TIPICI DELLE REGIONI ITALIANE

FIORI DI ZUCCA FRITTI CON LA SCAMORZA