Italiani in cucina, ecco quanto osano

di Fabiana 0

Quanto osano gli italiani in cucina? Almeno l’88% ha voglia di sperimentare ai fornelli e addirittura al 70% piace cimentarsi nella preparazione di piatti etnici e il 42% non ha paura di sbagliare neppure in presenza di un ospite.

I dati arrivano da un sondaggio di Cortilia, il mercato online per la spesa di prodotti agroalimentari che mette in evidenza curiosità e paure degli italiani ai fornelli. Italiani spacconi sì, ma intimoriti davanti alla preparazione della pasta sfoglia che resta un incubo per il 42%. Circa il 51% degli intervistati ha sbagliato invece a montare la maionese e il 21% ha invertito l’uso del sale con quello dello zucchero. Il 20% ha preparato il risotto aggiungendo acqua fredda interrompendone il processo di cottura.

E se la preparazione di alcuni piatti può essere abbastanza difficile, gli italiani sembrano non temere le sperimentazioni spesso affidandosi ad internet (80%. Solo il 15% cerca di improvvisare sul proprio intuito e il 7% si basa sull’assaggio del prodotto da crudo.

E gli ingredienti utilizzati? Il meno appetibile sembra essere il tarassaco, snobbato dal 60% degli intervistati, seguito dalla borragine (evitata dal 56% degli italiani), il cavolo rapa (il 44%) e il sedano rapa (39%).

ITALIANI AI FORNELLI, LA CUCINA COME SVAGO

Molte le paure degli italiani ai fornelli: il 42% della popolazione teme la preparazione della pasta sfoglia, il 19% teme la squamatura del pesce, il 12% non se la sente di preparare meringhe e i ravioli fatti in casa.

Il più diffuso degli errori resta la pasta scotta (54%), seguita dall’accostamento ‘pesce e formaggio’ (21%), l’aggiunta panna nella carbonara che, secondo il 18% degli intervistati, deve essere preparata solo con pancetta, uovo e formaggio.

 

photo credits | thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>