Omaggio a Gualtiero Marchesi, da Kiev a Kiev

di Fabiana Commenta



Si chiama da Kiev a Kiev ed è la rivisitazione del celebre chef Gualtiero Marchesi del tradizionale pollo alla Kiev.

DA KIEV A KIEV GUALTIERO MARCHESI, pollo

 

Il pollo alla Kiev è un piatto classico della cucina francese nonostante il nome faccia ovviamente pensare a un piatto francese. La tradizione vuole che sia nato nel XVIII secolo in Francia e praticamente è arrivato fino ai giorni nostri: è un secondo piatto  molto sostanzioso rende la carne del pollo particolarmente saporita e ricca di gusto grazie alla presenza del grazie al burro aromatizzato che marcisce l’interno.

Omaggio a Gualtiero Marchesi, da Kiev a Kiev


Ingredienti

150 gr di petti di pollo | 20 gr di succo di limone | erba cipollina | 80 gr di misticanza di stagione | 2 uova sbattute | pangrattato | burro chiarificato per friggere | 30 gr di burro | sale

Preparazione

  Preparate e pulite con cura il petto di pollo: tagliatelo a cubetti e poi sistematelo in due diversi spiedini. Cercate di tagliate dei cubetti della stessa dimensione anche per poter agevolare la cottura.

  Ora non dovrete fare altro che preparare la tradizionale panatura alla milanese. Sbattete due uova all’interno di un recipiente e rotolatevi all’interno gli spiedini, poi procedete con la panatura all’interno del pan grattato sistemato in un altro piatto.

  Dopo aver preparato la classica panatura alla milanese dovrete friggere il pollo nel burro chiarificato.

  Lasciate friggere con cura i vostri spiedini all’interno di una padella con il burro rendendo omogenea la frittura in ogni parte.

  Ora preparate una salsa a parte: lasciate sciogliere un po’ il burro e poi aggiungetevi anche il succo di limone spremuto lasciando montare a fuoco basso. Aggiungete il sale e poi servite in una ciotola piccola insieme all’erba cipollina.

  Preparate la misticanza o l’insalata di stagione e poi conditela con la salsa citronette preparata. Asciugate il pollo dopo la frittura aiutandovi con la carta assorbente da cucina e poi aggiungete il sale e servite.

La tradizionale panatura rende il pollo ottimo: la versione di Gualtiero Marchesi propone dei pezzi di pollo serviti come spiedini al posto dei classici involtini che vengono poi serviti con l’insalata di stagione condita con il limone.

 

POLLO ALLA PARMENTIER

IL POLLO FRITTO AMERICANO 

POLLO ALLE MANDORLE CON SEMI DI SESAMO