La crostata di pesce: un secondo originale

di liulai 4

Chi l’ha detto che le crostate sono soltanto dolci? In realtà la crostata è una preparazione “in crosta” che ben si adatta sia ad ingredienti dolci che salati. In particolare con la stagione estiva i miei articoli sono fortemente influenzati dai miei gusti personali. In questo senso credo che in estate, più che in ogni altra stagione, il pesce sia uno di quegli alimenti che maggiormente dovremmo mangiare: è leggero, si trova fresco, è nutriente ecc… . In questo momento gli amanti della carne e soprattutto coloro i quali non amano il pesce obietterebbero sicuramente, ma la ricettina che oggi vi propongo sono sicura che andrà a soddisfare anche coloro che al solo pensiero di dover mangiar pesce storciono il naso.
Crostata di pesce (ingredienti per 4 persone)

  • 150gr di margarina
  • 325gr farina
  • 300gr di gamberi sgusciati
  • 300gr di cozze (o vongole) sgusciate
  • 2 uova
  • 250gr di panna da cucina
  • uno spicchio di aglio
  • un ciuffo di prezzemolo
  • una foglia di lauro
  • un pizzico di timo
  • un bicchiere di vino bianco secco
  • olio
  • burro
  • sale, pepe

Preparazione:
Sulla spianatoia lavorate 300gr di farina con la margarina, una presa di sale e mezzo bicchiere di acqua fredda. Ottenuta una pasta di giusta consistenza ricavatene un disco spesso 2 cm circa, che sistemerete in una teglia da forno rotonda. Bollite un quarto di acqua con la dose di vino, timo, lauro, sale, pepe. Cuocete per qualche minuto i gamberi nel liquido in ebollizione, scolateli e conservate il brodo di cottura. In un padellino scaldate 2 cucchiai di olio con un trito di aglio e prezzemolo, unite le cozze scongelate e soffriggetele per qualche minuto poi mettete nel padellino i gamberi e lasciateli insaporire. Quindi con 40gr di burro, 25gr di farina e il brodo di cottura tenuto da parte preparate una salsa omogenea e fluida. Nel frattempo in una terrina avrete sbattuto le uova incorporando la panna e la salsa fredda. Infine unite gamberi e cozze alla salsa, versate il tutto sulla pasta e cuocete in forno a 180° 45/50 minuti.

Commenti (4)

  1. Perché margarina e non burro?
    La margarina è un pessimo grasso che non andrebbe mai usato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>