Pizza di pasqua al formaggio, ma non aspettatevi la solita pizza

di Ishtar 0



Dopo aver letto il titolo e dopo aver visto la foto, sicuramente rimarrete un pò perplessi, in effetti lo sono stata anch’io qualche anno fa quando, frequentando un forum di cucina, ( a proposito, ma quante cose si imparano, sul web? ) dicevo, su un forum, venni a conoscenza dell’esistenza di una pizza di pasqua o torta al formaggio. Subito pensai alla classica pizza, tonda e bassa, ricoperta di mozzarella, pomodoro ed avrei azzardato, allora, che ci fossero sopra ingredienti tipicamente pasquali o comunque primaverli, tipo, asparagi e uova.  Mi sbagliavo, mi sbagliavo di grosso, infatti la pizza di Pasqua altro non è che una torta salata lievitata a base di diversi formaggi, come il pecorino romano, il parmigiano e tante, ma proprio tante uova. La ricetta che vi propongo oggi è tratta dal libro di Remo Rossi “Pane de Terni”. La pizza di pasqua è una ricetta tipica umbra, costituisce la colazione del giorno di Pasqua accompagnata da salumi vari.

Pizza al formaggio


Ingredienti

100 gr. burro | 100 gr. strutto | 6 uova intere | 2 tuorli | 20 gr. lievito di birra | 100 gr. parmigiano grattugiato | 200 gr. pecorino | 1 bicchiere olio | 1 pizzico sale | 200 gr. pasta di pane | farina (quella che richiede l'impasto)

Preparazione

   Si battono le uova mescolandoci i formaggi, lo strutto disciolto,il burro e l’olio e, dopo aver fatto la fontana con la farina si versa dentro il tutto, compresi i 200 grammi di pasta del pane.

   Si impasta di nuovo raccogliendo tanta farina quanta è sufficiente per ottenere l’impasto morbido ed elastico.

   Si lavora bene, battendola con le mani e sollevandola ritmicamente sulla spianatora sino a quando non comincia a fare le” bolle”. Poi si prende tanta pasta sufficiente a riempire per meno della metà gli stampi già unti e con i bordi alti per poi metterli in luogo tiepido ad attendere che la pasta lieviti. L’impasto deve raggiungere quasi l’orlo dello stampo.

   Si inforna a 200°C per circa 30 minuti, con uno stecco di legno sondare se la pasta è asciutta. Prima di infornare spennellare con uovo sbattuto la parte superiore.

Per preparare la pasta di pane citata nella ricetta non dovete fare altro che impastare acqua e farina con un pò di pasa contente lievito (vedi articolo sul lievito madre) e lasciare l’impasto in una scodella al caldo e lontano da correnti. E’ affascinante constatare come, spostandoi di regione in regione, alcuni piatti tipici cambino, mantenendo comunque un comune denominatore, quello di avere la forma di una torta salata. In campania abbiamo il tortano ed il casatiello, la torta pasqualina in Liguria, ed ancora si potrebbe continuare ancora ed ancora citando diversi esempi. Buona domenica delle Palme a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>