Contorno per la vigilia di Natale: i Carciofi farciti

di liulai 4

TEMPO: 40 minuti | COSTO: basso | DIFFICOLTA’: bassa

VEGETARIANA: NO | PICCANTE: NO | GLUTINE: NO | BAMBINI: SI

La vigilia di natale è tradizione preparare il cenone, rigorosamente di magro come usiamo dire noi a Roma. In particolar modo è gettonatissimo il pesce con contorni che, detto tra noi, di magro hanno poco e niente. A dimostrazione di ciò lo è la ricetta che vi presento quest’oggi: i carciofi farciti. I carciofi sono una di quelle verdure molto diffuse a nord di Roma, vuoi perché è diffusa la coltivazione del famoso carciofo romanesco ma anche perché sono delle verdure di stagione. A questo proposito impazzano sia nella vigilia di Natale che durante i pranzi del 25 carciofi cucinati in vari modi: dai classici carciofi fritti, ai carciofi alla giudia (o per meglio dire fritti alla maniera giudaico – romanesco) ai carciofi farciti in vari modi. Preparateli come ve li suggerisco io, sono davvero eccezionali.


Carciofi farciti

Ingredienti per 4 persone:

8 Carciofi interi | un limone | 50gr di burro | 100gr di salsiccia | 2 cucchiai di pane grattato | 2 cucchiai di grana grattugiato | 50gr di olive verdi | un ciuffo di prezzemolo | un uovo |2 o 3 cucchiai di olio | uno spicchio di aglio | sale e pepe

LA PREPARAZIONE:

  1. Lavate e pulite i carciofi dalle bucce più dure e metteteli su un canovaccio ad asciugare.

  2. Nel frattempo preparate il ripieno: mettete in una ciotola la salsiccia spellata e sbriciolata, l’uovo, il pane grattato ed il grana, il prezzemolo tritato e le olive snocciolate.

  3. Salate, pepate e amalgamate bene il tutto. Allargate delicatamente con le mani le foglie dei carciofi che avrete precedentemente strofinato con succo di limone, e tra una foglia e l’altra inserite un po’ del ripieno; quindi richiudete ogni carciofo con una leggera pressione delle mani.

  4. Fate spumeggiare il burro e l’olio con l’aglio intero in una casseruola, poi unitevi i carciofi e fateli cuocere su fuoco medio girandoli con delicatezza. Aggiungete all’occorrenza un po’ di acqua di tanto in tanto.

  5.  

Commenti (4)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>