Pasticcini alla marmellata di ribes rosso

di Claudia 6

TEMPO: 1 ora circa | COSTO: medio | DIFFICOLTA’: media

VEGETARIANA: SI | PICCANTE: NO | GLUTINE: | BAMBINI:


I piccoli dolcetti sono delle delizie del palato. Vanno bene in tantissime occasioni, si possono offrire agli ospiti alla fine di un pranzo, senza spaventarli magari dopo un pasto pantagruelico con una torta vera e propria. Sono comodissimi e in perfetto stile per concludere una cena in piedi, vanno bene come colazione o come merenda per i bambini e oltretutto sono molto divertenti da preparare!

Questi pasticcini in più sono perfetti in questo periodo, la primavera sta arrivando e il loro ripieno al ribes rosso dà subito la sensazione del primo caldo e della cucina assolata.

Pasticcini alla marmellata di ribes rosso

Ingredienti per 15 pasticcini:

125gr di burro | 90gr di zucchero di canna grezzo | la scorza grattugiata di un limone | 30gr di miele |  2 chiare d’uovo leggermente battute | 125gr di farina | 1 cucchiaino da tavola di lievito | marmellata di ribes rosso | 30gr di noce di cocco essiccata

LA PREPARAZIONE:

  1. Scaldare il forno a 190°. Ungere e infarinare 15 stampini per pasticcini, di forma ovale o tonda.

  2. Con un cucchiaio di legno iniziare ad amalgamare il burro e lo zucchero, aggiungere poi il miele e la scorza del limone, continuare fino ad avere un composto cremoso e omogeneo.

  3. Aggiungere un cucchiaio d’acqua calda, continuare a mescolare, per alleggerire la crema. Aggiungere un po’ alla volta le chiare d’uovo. Infine unire la farina e il lievito, setacciarli e amalgamarli con il resto dell’impasto.

  4. A questo punto riempire per metà gli stampini con il composto, mettere un cucchiaino di marmellata di ribes rossi al centro e poi ricoprirli tutti con il resto dell’impasto, stando ben attenti a coprire completamente la marmellata. Spolverarli con la noce di cocco, metterli sulla teglia del forno e infornarli, per circa 15-20 minuti.

I pasticcini sono pronti, dopo averli fatti raffreddare sistemarli su un piatto da portata.

Chiaramente si possono utilizzare molti altri tipi di marmellata, l’importante è che la consistenza sia molto densa per una migliore riuscita sia pratica che estetica.

Commenti (6)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>