Una Variante al gelo di melone: quello di Limone

Spread the love

limoni

TEMPO: 30 minuti | COSTO: medio | DIFFICOLTA’: bassa | PICCANTE: no | GLUTINE: si | VEGETARIANA: si | BAMBINI: si

Si sa che il Gelo classico, quello per antonomasia é quello di melone. A me é capitato di assaggiarlo, in costiera amalfitana, ad un gusto diverso ovvero al limone. E vi devo dire che mi é piaciuto moltissimo. Complice il caldo e la qualità davvero eccellente dei limoni, l’ho trovato forse ancora più gustoso del suo classico fratello siciliano. Io sono riuscita a trovare questa ricetta su un numero di “sale e pepe”, l’ho provata ed é molto buona, naturalmente i limoni che usate fanno la differenza. Se ci riuscite acquistate esclusivamente limoni non trattati della Costiera Amalfitana, decisamente più cari ma enormemente più buoni. I Limoni della costiera sono anche facilmente riconoscibili perché hanno una scorza piuttosto bitorzoluta, sono molto grandi e soprattutto sono molto profumati. Infatti durante la preparazione la vostra cucina si inebrierà di un dolce odore di agrume.

Gelo al Limone

Ingredienti per 6 persone

220gr. di zucchero semolato | 8 grossi limoni di Amalfi non trattati | 80gr. di amido di frumento | qualche scorza per guarnire

LA PREPARAZIONE

  1. per prima cosa lavate accuratamente i limoni ed asciugateli, poi con un coltellino tipo “pelapatate” prelevate la scorza – solo la parte gialla – e mettetela a bagno in un litro di acqua minerale e lasciatela così in infusione per un giorno

  2. il giorno successivo filtrate l’acqua dalle scorze e tenetela da parte

  3. stemperate il frumento con l’acqua filtrata fredda ed aggiungete lo zucchero. Trasferite il tutto in una casseruola e cuocete a fuoco basso avendo sempre cura di girare

  4. appena questa cremina gialla comincia ad addensarsi versateli in stampini monoporzione appena bagnati con l’acqua e lasciateli freddare in frigorifero per almeno 10-12 ore

  5. sformate i vostri “geli” ,decorate con le scorze del limone e portate in tavola

foto of courtesy of Flickr

Lascia un commento