Spezzatino di manzo al cioccolato: come rendere speciale un piatto classico

Spread the love

spezzatino manzo cioccolato rinnovare piatto classico

Le ricette più tradizionali spesso nascondono delle virtù insospettabili. L’ho scoperto proprio ieri, quando ho assaggiato per la prima volta lo spezzatino di manzo al cioccolato. Come molti di voi, anche io non so resistere a una sana, seppure sporadica, scorpacciata di cioccolato e sebbene lo preferisco di gran lunga nei dolci, non potevo immaginare quanto sia buono anche nelle ricette salate. Dalle tagliatelle allo spezzatino, con il cacao amaro o il cioccolato fondente si può cucinare di tutto. Gli appassionati lo sapranno già, ma per me l’abbinamento del cioccolato fondente con la carne è stata una stupefacente sorpresa. Del resto il cioccolato fondente è un ingrediente perfetto per la carne perchè è amaro, leggermente sapido e molto aromatico: niente di meglio per trasformare una ricetta semplice, forse troppo comune e ormai noiosetta, in una novità in cucina che conquisterà anche i palati più esigenti.

Non crediate di dover stare ai fornelli in preda a difficili operazioni di cucina: lo spezzatino di manzo al cioccolato è una ricetta facile che richiede una cottura lunga ma senza stress, perchè come tutte le preparazioni di questo tipo lo spezzatino va cotto in una pentola con il coperchio a fuoco basso. Solo alla fine, dovrete incorporare il cioccolato fondente al fondo di cottura della carne e lasciare cuocere tutto fino a quando il cioccolato non sarà completamente sciolto. Servite lo spezzatino su dei piatti bianchi, sui quali potete grattugiare qualche scaglietta decorativa di cioccolato, in questo modo anche l’effetto visivo sarà molto gradevole.

1 commento su “Spezzatino di manzo al cioccolato: come rendere speciale un piatto classico”

  1. Mi pare un’enorme sciocchezza, siamo arrivati al punto di dover cercare a tutti i costi la stranezza pur di fare colpo e attirare l’attenzione. Sarebbe ora di approfondire l’essenza dei cibi studiandone gli abbinamenti in modo non dico tradizionale, ma almeno coerente con una lunga tradizione di cucina, che è quella italiana o anche internazionale.

    Rispondi

Lascia un commento