La dieta di Bridget Jones e la zuppa di porri

di Cecilia Morello 1

Sovrappeso, pasticciona, imbranata, single, fumatrice che non riesce a smettere: sono sicura che in molte, tra noi donne, ci riconosciamo in questo ritratto. Ed invece è la descrizione del personaggio di Reneé Zellweger , nato dalla penna della scrittrice Helen Fielding, Bridget Jones.

L’impiegata che ha conquistato il pubblico con la sua simpatia ed autoironia ci ha fatto sorridere leggendo, o guardando, i disastri che combina, le gaffe che colleziona e le disavventure in cui finisce.

Tra equivoci con gli uomini e figuracce in pubblico, come poteva mancare qualche inconveniente in cucina?
Nel primo film “Il diario di Bridget Jones”, uscito nella sale nel 2001, la bionda single si ritrova sballottata e indecisa tra due uomini: il suo arrogante e spregiudicato capo, interpretato da Hugh Grant, ed il goffo ma affascinante avvocato, Colin Firth.

Per il suo compleanno organizza una cena a casa sua, a cui sono invitati il gruppetto di fedeli amiche ed amici e Mark, l’avvocato. Nella sua goffaggine Bridget Jones ne combina di tutti i colori, nel senso letterale del termine: la zuppa di porri che serve in tavola è incredibilmente turchina! Imbarazzata dalla presenza di Mark ed intenzionata a fare bella figura più di ogni altra cosa dimentica di levare lo spago blu dai porri coniando così una nuova ricetta, zuppa di porri turchina.


In realtà la zuppa di porri non solo non è turchina, ma non è certo un piatto tipico della cucina inglese, bensì della cucina toscana. E’ un piatto semplice, gustoso ed è aperto a numerose variazioni.

Ingredienti

  • 1,5 kg di porri
  • 3 scalogni
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe
  • pane casalingo
  • prezzemolo
  • 1,5 l di brodo

Pulite e lavate i porri, facendo attenzione ad eliminare ogni tipo di cordino o spago colorato se volete evitare di emulare Bridget Jones. Tritate finemente gli scalogni e fateli appassire in una padella antiaderente con l’olio caldo. Poi aggiungete anche i porri tagliati a fettine sottili e fateli dorare. A questo punto potete aggiungere il brodo bollente, il sale ed il pepe. Lasciate cuocere per mezz’ora, mescolando di tanto in tanto.

Quando la cottura sarà terminata e la zuppa sarà diventata una crema servitelo nei piatti sulle fette di pane precedentemente tostate e decorate con foglie di prezzemolo. Come variazione potete trasformare la zuppa in una minestra aggungendo del riso o del farro. Ottimo anche il parmigiano grattugiato sopra il pane oppure l’aggiunta di zucca: non sarà turchina come quella di Bridget Jones, ma anche arancione è un bel colore!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>