Salsa barbecue, la ricetta tradizionale americana

di Fabiana Commenta



Se siete irrimediabili appassionati delle grigliate, allora non potrete non portare in tavola anche in occasione del primo maggio la classica salsa barbecue, la salsa americana che non può mancare nei picnic del 4 luglio. 

Si tratta di una salsa estremamente calorica e ricca e che si caratterizza per la presenza di sapori e ingredienti estremamente diversi per un risultato non scontato: tutta da provare per chi  ama sperimentare il sapore agrodolce di una salsa tradizionale della cucina statunitense. 

salsa

Gli ingredienti, dallo zucchero di canna al miele al ketchup, sono molti e includono anche la salsa Worcestershire e la paprika. Ma come mangiare la salsa barbecue?

Salsa barbecue, la ricetta tradizionale americana


Ingredienti

250 gr ketchup - 150 gr zucchero di canna grezzo - 100 gr miele - 100 gr sciroppo d’acero | 50 gr di aceto di miele - 50 gr di succo limone - 50 gr di salsa Worcestershire - 1 cucchiaio di paprika

Preparazione

  Versate in un tegame il ketchup, il succo di limone, l’aceto, lo zucchero di canna e la salsa Worcestershire. Mescolate bene e lasciate cuocete a fuoco medio basso, poi lasciate sobbollire per almeno un quarto d’ora.

  Aggiungete ora anche il miele, lasciate sobbollire ancora per 10 minuti. Adesso noterete che composto comincerà ad addensarsi: togliete la salsa dal fuoco e aggiungete lo sciroppo d’acero continuando a mescolare per farlo incorporare al resto degli ingredienti. La vostra salsa dovrà essere lucida e densa.

  Aggiungete anche il peperoncino e mescolate ancora. Riempite i vasetti e poi chiudete ermeticamente e conservate le vostre salse. Per una versione ancora più saporita, potrete anche aggiungere il peperoncino in base ai vostri gusti personali.

Una volta pronta, potrete conservarla anche per qualche settimana oppure potrete spennellarla direttamente sulla carne o semplicemente sulle bruschette di pane per un sapore veramente insolito. Potrete anche conservarla per qualche settimana in recipiente chiusi in modo ermeneutico. 

 

 

GRIGLIATA PERFETTA, I CONSIGLI DELLO CHEF