Grigliata perfetta, i consigli dello chef

di Fabiana Commenta

L’estate sta per finire? C’è ancora tempo per organizzare una bella grigliata, perfetta anche non questi giorni, simbolo di convivialità e di ottimo cibo gustato in compagnia degli amici. Ma come organizzare la grigliata perfetta? I consigli arrivano direttamente dallo chef Matteo Contiero, chef de cuisine del vigilius mountain resort in Alto Adige, che via Ansa, dispensa 5 suggerimenti ad hoc per organizzare grigliate perfette. 

La scelta della carne: scegliete con particolare attenzione e cura la carne, l’elemento principale della grigliata stessa. Individuate la tipologia di carne, giusta, sceglierei maiale, il manzo e il pollo alternando l’agnello e la selvaggina, tutti tipi di carne versatili e adatti alla griglia. Ricordate che le carni più semplici da grigliare sono quelle senza osso, quindi via libera ad hamburger, bistecche di manzo o entrecôte mentre per le carni con l’osso Coe costine d’agnello o selvaggina è necessario prestare attenzione soprattutto alla temperatura che dovrà essere costante. Ricordate che le carne va grigliata sempre su entrambi i lati.

I segreti della cottura: quando si capisce che la carne è pronta per essere servita? Effettuate un taglio sulla carne: se esce troppo sangue significa che non è pronta. Per non sbagliare affidatevi a un termometro da cottura.

La salatura: prima o dopo? La carne dovrà essere salata in un momento ben preciso della cottura, ma si tratta di un dettaglio che varia in base al tipi di carne. Se si tratta di un taglio grosso, con uno spessore che varia tra i 4 e i 6 centimetri potrei salare prima di grigliare in modo tale che il sale non penetrerà nel cuore della carne, ma rimarrà in superficie. Per i tagli più sottili, invece, è sempre meglio salare alla fine.

La marinatura: la carne a volte può essere insaporita o “marinata”, ma dovrete usare erbe particolari che possano valorizzarne il gusto. Perfette per la carne di pollo la senape e paprika, coriandolo fresco, timo e aglio per la carne di manzo mentre l’olio extra vergine d’oliva con un rametto composto di erbe aromatiche e intinto nell’olio per poi essere strofinato sulla carne in modo tale da aromatizzarla si adatta a tutto.

Ordine della carne e pulizia della griglia: Non c’è un vero e proprio ordine da seguire, ma per evitare di mescolare sapori dovrete organizzare la griglia e preparare un tipo di carne alla volta. Con una spatola di ferro e uno straccio pulite la griglia di volta in volta.

 

photo credits | think stock