Come utilizzare la curcuma in cucina

Come utilizzare la curcuma in cucina

La curcuma è una pianta che viene coltivata nei Paesi asiatici. A differenza di altre spezie quella utilizzata in cucina è la radice, che cresce sotto terra e che si caratterizza per il tipico colore arancione. Nota anche come zafferano giallo la curcuma rappresenta una spezia sana. Forse non tutti sanno che sia alla base del curry, mix di spezie diffusamente utilizzato nella cucina indiana. Considerato il fatto che non faccia parte della tradizione italiana alle volte si trova al centro di numerosi dubbi sull’utilizzo in cucina: Ecco di seguito qualche consiglio utile a tal proposito.  

Uno degli accorgimenti fondamentali consiste nell’utilizzare la curcuma a crudo, ovvero nell’unirla ai piatti solo a cottura avvenuta. Ciò permette che i suoi principi nutritivi non vadano dispersi e che possa essere apprezzata maggiormente. La curcuma può essere unita al condimento di numerosi primi piatti. E’ perfetta anche con la carne, specie quella bianca come il pollo, che con le uova. Non solo, può essere unita al riso per preparare sfiziosi risotti.

Se unita all’olio (aggiungete tre cucchiaini per ogni litro), diventa un ottimo condimento per le insalate o le verdure grigliate. Se unita alle minestre, alle zuppe ed ancora alle verdure in padella ed alle insalate dona sicuramente un tocco di sapore non indifferente. Può infine essere utilizzata come sostituta dello zafferano, rispetto al quale è sicuramente più economica, provatela in alternativa. Quì trovate tutto quello che c’è da sapere sulle proprietà antitumorali della curcuma, mentre quì le caratteristiche nutrizionali della spezia.

 

Photo Credit | Flickr

Lascia un commento