Come pulire i broccoletti

di Anna Maria Cantarella 0

I broccoletti (o cime di rapa) sono la parte verde della rapa non ancora fiorita. Si possono mangiare per intero le foglie, i fiorali e i fiori. Molto comuni nella cucina tradizionale pugliese, i broccoletti sono utilizzati anche a Napoli e in tutta la Campania, dove esiste la varietà dei “friarielli” (più piccoli, più teneri e un po’ più amari) che si mangiano soprattutto insieme alla salsiccia. I broccoletti hanno un caratteristico sapore amarognolo con retrogusto piccante che li rende perfetti per la pasta e per accompagnare piatti di carne. Pulirli è abbastanza semplice, oggi vi spieghiamo come fare.

Come per tutte le verdure, è preferibile utilizzare il bicarbonato per essere sicuri di averle pulite a fondo, tanto più che i broccoletti hanno le infiorescenze in cui è più difficile andare a fondo per eliminare le impurità. Riempite dunque una grande bacinella, oppure il lavabo della cucina, e riempitelo d’acqua. Mettete in ammollo i broccoletti con tre cucchiai di bicarbonato. Lasciate in ammollo per una decina di minuti, poi risciacquate abbondantemente sotto l’acqua corrente. A questo punto dovrete separare le parti commestibili da quelle che devono essere eliminate. Eliminate le foglie grosse esterne, quelle che appaiono rovinate oppure leggermente secche o ingiallite. Conservate soltanto le foglioline più tenere e verdi dei broccoletti e ovviamente le cimette, facendo attenzione che anche queste ultime siano integre. Eventualmente potete eliminare con il coltello solo le parti rovinate. Se i piccoli gambi hanno delle parti rovinate, raschiatele con il coltello piano piano, in modo da non rovinarli. Potete utilizzare questo metodo anche per i friarielli.

E’ preferibile cucinare i broccoletti subito dopo averli puliti, perchè in questo modo avranno un sapore eccezionale dovuto alla loro freschezza. Se dovete conservarli, metteteli (asciutti) in un sacchetto da frigo bucherellato: potete tenerli in frigorifero al massimo per 4 giorni. Se invece li sbollentate, potete congelarli (dopo averli fatti raffreddare) dentro i sacchetti da congelatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>