Sant’Antonio Abate, le ricette della tradizione in Italia

di Emma 0

Si celebra il 17 gennaio,  S. Antonio Abate, il santo protettore degli animali, ma anche dei contadini e della ruralità in generale: per l’occasione non mancano celebrazioni speciali, come i falò di Sant’Antonio o la celebrazione degli animali.

sant'antonio, ricette

Ma non mancano tanti piatti tradizionali diffusi in tutta Italia con l’intenzione di celebrare il santo.

Nel bergamasco si prepara la cassola, piatto di origine longobarda, a base di maiale, iconograficamente legato al santo. 

In Sardegna, si cucina ‘su pistiddu’, dei ravioli dolci farciti con mosto cotto, semola e buccia d’arancia. 

In Abruzzo si prepara lo stesso tipo di dolce, ma con un nome diverso, gli ‘uccelletti’, a base di mosto cotto.

In Campania si prepara la past’ e ‘llessa, la pasta in bianco con le castagne lesse e abbondante peperoncino, in Umbria si preparano i rigatoni al sugo semplice, lo stracotto di vitello, polpette al sugo con pinoli e uvetta, salsicce di maiale, e una mela.

Lo stesso menù viene benedetto dai parroci e poi servito anche agli animali che ricevono lo stesso tipo di benedizione.

Molto diffuse anche le ‘sagne’ di S. Antonio, un tipo di pasta speciale, tagliatelle senza uova, a base di farina e acqua: sono piccole e spesse e sono condite con un sugo a base di lardo di maiale, fagioli cannellini o borlotti accompagnati da ricotta salata.

Un piatto preparato anticamente all’interno di un calderone e poi lasciato davanti alla chiesa: ciascuna famiglia portava con sé un po’ della pasta che avrebbe consumato insieme a tavola tutti insieme.

LASAGNE VEGETARIANE

LASAGNE AL PESTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>