Il 4 gennaio torna la rassegna gastronomica “Il re è crudo”

di Roberta 0

Il 4 gennaio nel villaggio di Saint-Rhémy-en-Bosses (Aosta) si terrà la rassegna enogastronomica e degustazione guidata “Il Re è crudo”, organizzata dal Comitato per la Promozione e la Valorizzazione del Vallée d’Aoste Jambon de Bosses Dop, nell’antico e restaurato Castello di Bosses (ante XIV sec.).

Il Vallée d’Aoste Jambon de Bosses, è un prosciutto  dalle origini antichissime e dalla naturale bontà, certificata dalla Denominazione di origine protetta.

Durante la manifestazione “Il Re è crudo!”, esperti del settore accompagneranno gli ospiti attraverso la storia e la degustazione del prelibato prosciutto, per imparare a riconoscerlo, ad apprezzarlo e ad accompagnarlo con i vini del territorio.

Accanto al pregiato e raro prosciutto, anche altri prodotti di eccellenza locali, come il lardo d’Arnad Dop, la Motzetta, i formaggi di capra e l’olio di noci, oltre ad alcune etichette di due produttori di assoluto prestigio nel panorama enologico valdostano: Maison Anselmet e Les Crêtes

Al termine della serata sarà possibile acquistare le specialità proposte, in un locale attiguo alla sala della manifestazione.

Il Vallée d’Aoste Jambon de Bosses DOP nasce a Saint-Rhémy-en-Bosses, a una ventina di chilometri da Aosta. Qui le condizioni climatiche creano l’ambiente ideale per la lavorazione e stagionatura del famoso prosciutto, ottenuto dalle migliori cosce di suini di razza altamente selezionata. Gli abitanti del villaggio, da sempre si tramandano una tecnica di produzione unica e inimitabile: dalla salatura con l’aggiunta di ginepro, timo e altre erbe aromatiche della valle, alla lunga stagionatura (mai inferiore ai 12 mesi) vicino al fieno. Il risultato è un pregiatissimo prosciutto crudo dalla forma compatta, colore rosso scuro, sapore aromatico e fragrante, leggermente salato e con un retrogusto dolce, ideale da assaporare con i prodotti di queste montagne, il pane nero, il burro, il miele, le noci e un buon vino rosso. Il marchio DOP garantisce la conformità di tutta la filiera produttiva ai parametri dell’Unione Europea, assicurando ai consumatori la massima qualità e tutelando l’assoluta originalità del prosciutto: dalla scelta dei suini alla salatura con metodi manuali, fino alla stagionatura, che non deve essere inferiore ai 12 mesi

Il Vallée d’Aoste Jambon de Bosses DOP è prodotto in quantità limitata e gode di grande fama fra gli estimatori alla ricerca di sapori autentici.

C’è chi dice che furono i Romani, ghiotti di carne suina, a diffondere in Valle il consumo di prosciutto, ai tempi della loro dominazione. Quel che è certo è che questo prosciutto non ebbe alcuna difficoltà a farsi conoscere dal momento che il colle del Gran San Bernardo, fin dall’antichità, fu uno dei più frequentati valichi alpini e nel Basso Medioevo divenne la via privilegiata per i commerci con l’Europa Occidentale.

Info:
[email protected] ; www.jambondebosses.it

Photo courtesy of: Archivio Vallée d’Aoste Jambon de Bosses Dop

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>