Natale, menù all’insegna della tradizione

di Fabiana 0

Il Natale degli italiani? È all’insegna della tradizione da Nord a Sud: trionfano le ricette della nonna in tutta la penisola.

Carni di cappone, faraona e tacchinella arriveranno sulle tavole degli italiani come conferma lo studio di Unaitalia – Unione Nazionale Filiere Agroalimentari Carni e Uova – registrando  le produzioni di carne in questi ultimi 10 anni.

Ma quali sono i piatti a base di carne che resistono alla tradizione? 

In Liguria si consuma soprattutto il cappone lesso ligure, i cappelletti spopolano in Emilia Romagna, la busiata siciliana si accosta invece alla tacchinella.

È il cappone uno dei piatti cult delle tavole del Natale e il modo in cui viene cucinato varia in base alla regione: brodo, arrosto o fritto in casseruola è perfetto in ogni modo.

Il cappone in brodo si consuma soprattutto nel centro Italia, come in Emilia Romagna, al Lazio all’Abruzzo, spopola la faraona arrosto con salsa peverada, le tagliatelle con i fegatini sono un piatto tipico di Vicenza, il bollito misto con pearà, salsa a base di pane raffermo, midollo e burro fresco si mangia soprattutto a Verona, mentre a Milano il tacchino ripieno resta un classico.

L’arrosto con faraona, coniglio, pollo o piccione ripieno è il piatto tradizionale delle Marche mentre in Umbria si mangia la galantina di cappone al tartufo. La minestra ‘maritata’ con la carne e il cosciotto di tacchino farcito si mangia in Campania mentre in Puglia sono irrinunciabili le orecchiette al ragù e l’involtino di carne farcito con aglio, prezzemolo e pecorino e il tacchino ripieno di caciocavallo, mollica di pane raffermo, ventresca, olive e pinoli.

NATALE, GLI SFIZI GASTRONOMICI DEGLI ITALIANI

photo credits | thin stock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>