Capodanno in Italia, i piatti tipici regionali

di Fabiana Commenta

Dopo il cotechino e le lenticchie immancabili sulle tavole italiane nelle notte di San Silvestro, è arrivato il momento di pensare anche alla tavola di Capodanno: quali sono le ricette tradizionali delle regioni italiane? 

In Trentino Alto-Adige non mancano i canederli, gli gnocchi di pane in brodo rosolati nel burro con formaggio e spezie. 

In Piemonte si mangiano gli agnolotti ripieni di carne, ma anche il bollito e il pollo alla marengo servito con gamberi e funghi. 

In Liguria spazio al cappone magro e in Emilia Romagna sono immancabili i tortellini in brodo mentre nel Lazio non mancano gli gnocchi alla romana gratinati e i cannelloni ripieni. 

e in Puglia trionfano panzerotti fritti, le cicorie, calzoni e agnello con lampascioni.

A Napoli si gusta lo spaghetto con le vongole, ma anche baccalà e capitone cucinato in modi diversi e senza dimenticare la frittura di paranza o lo stoccafisso con le olive. 

In Calabria spazio agli scialatelli conditi con la nduja in Sicilia si porta in tavola la classica lasagna con ragù con spiedini di gambero e calamaro e caponata mentre in Sardegna si mangiano i ravioli ripieni di pesce. 

Spazio ai dolci regionali, come ad esempio il Bonet in Piemonte, il pandolce a Genova, mentre lo zelten si consuma nelle zone altoatesine: in Calabria si mangiano le caratteristiche crocette di fichi e in Friuli si mangia la gubana, a Napoli non mancano gli struffoli, ma spazio in tutta Italia ad amaretti, frutta secca, castagne, datteri senza dimenticare il pandoro e il panettone. Sulle tavole, spumante, prosecco e champagne. 

CAPODANNO, I CIBI PORTAFORTUNA

 

PHOTO CREDITS | INSTAGRAM