Capodanno, le tradizioni gastronomiche nel mondo

di Fabiana Commenta

Sulle tavole italiane della Notte di San Silvestro e sulle tavole di Capodanno non può certo mancare il tradizionale cotechino con le lenticchie, simbolo di abbondanza e di fortuna economica, ma anche l’uva, il melograno e ovviamente lo spumante tutto italiano. 

Ma come si festeggia l’arrivo del nuovo anno all’estero?

Capodanno 2014, capodanno, Menù Capodanno 2014 carne FOTO

Ecco alcune delle tradizioni gastronomiche più radicate in diversi paesi europei e non. 

In Spagna si consuma una cena a base di pesce e crostacei e con l’arrivo dell’anno nuovo si gustano dei bicchierini ciascuno contenente dodici acini d’uva che segnano l’addio all’anno vecchio e il saluto al nuovo anno. 

In Francia non mancano i cibi tradizionali, fois gras, ostriche ed escargots e naturalmente champagne. 

In Inghilterra si gusta un ricco tacchino ripieno di castagne, ma non può mancare il Christmas Pudding come dolce. inoltre, il occasione della notte di San Silvestro, nel pudding vengono nascoste delle monete che ortano fortuna a chi le troverà.

In Germania a Capodanno si beve il Feuerzangenbowle, una bevanda simile al vin brulè a base di vino rosso, rum, bucce di arancia, cannella e chiodi di garofano che viene accompagnato da dolcetti di ogni genere, praline e cioccolatini, simbolo di buon auspicio.

In Olanda tutti i cibi di Capodanno hanno la forma del cerchio, simbolo del nuovo inizio: spazia quindi a ciambelle fritte o i dolci di pasta sfoglia ripieni di mele, le appelflappen, accompagnate dallo champagne e birra. 

Negli Stati Uniti non mancano i fagioli dall’occhio nero che vengono serviti con il cavolo e portano fortuna economica. 

 

photo credits | instagram