Pollo alla cola di Benedetta Parodi

di Ishtar 0



Una ricetta decisamente insolita quella che vi propongo oggi. Il pollo alla cola, di Benedetta Parodi, tratto dalla trasmissione Molto Bene, altro non è che un secondo piatto a base di carne adatto agli stomaci impavidi. Caratterizzato da un sapore piuttosto deciso, si tratta di una pietanza che va servita con una salsa a base di peperoncini, aglio e cola. Non adatto ai bambini, dunque, così come si sarebbe potuto pensare ad una prima lettura del titolo della ricetta.

Pollo alla cola di Benedetta Parodi


Ingredienti

1 pollo intero | sale e pepe | olio qb | 7 peperoncini rossi | 2 spicchi di aglio | origano | 400 ml coca cola

Preparazione

  Salare e pepare il pollo, quindi farlo rosolare all'interno di una padella con un filo di olio. Adesso preparare la salsa frullando i peperoncini insieme ad uno spicchio di aglio, dell'origano e 100 ml di cola.

  Porre il pollo all'interno di una teglia ricoperta di carta forno, e condirlo con lo spicchio di aglio rimasto. Coprirlo con la salsa ai peperoni. Bagnare il tutto con la cola rimasta e cuocere a 180° C per 45 minuti circa.

Il pollo alla cola può essere proposto in occasione di una cena tra amici amanti del piccante, magari insieme a dei piatti da fast food o ancora con  i nachos, tanto per fare un esempio. La realizzazione è piuttosto semplice anche se non lo definirei un piatto adatto a tutti o a tutti i giorni, da relegare, insomma, a situazioni particolari ed a commensali che apprezzino il genere. Il piccante, difatti, non è amato da tutti. Altre ricette che potrebbero interessarvi sono i bocconcini di pollo alla coca cola da Cotto e Mangiato, adatti a tutta la famiglia, bambini compresi, il pollo al sale di Benedetta Parodi e il pollo al miele con riso basmati, piatto imperdibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>