leonardo.it

Come cucinare l’uovo alla coque

 
Cecilia Morello
5 maggio 2008
3 commenti
Come cucinare l’uovo alla coque

Noi di Ginger abbiamo più volte sottolineato come le preparazioni apparentemente più semplici siano talvolta complicate nella realizzazione, basti pensare ad un uovo al tegamino. Niente di più facile no? Invece è necessario seguire una serie di indicazioni altrimenti otterrete un uovo strapazzato o un rosso rotto o un bianco bruciacchiato. Altrettanto precisa deve essere la preparazione di un uovo alla coque, i cui tempi di cottura vanno rispettati precisamente altrimenti avrete un uovo sodo o non del tutto cotto.

Quando parliamo di uova intendiamo generalmente quelle di gallina, ma ne esitono anche altre in commercio, altrettanto adatte alle vostre ricette. Le uova di quaglia per esempio, più piccole di quelle di gallina, posso essere cotte anche alla coque o al tegamino, anche se il loro impiego migliore è quello di servirle sode come antipasto o in un’insalata. Anche le uova di anatra possono essere cotte alla coque e sono rinomate per essere particolarmente saporite.

La cottura alla coque è la soluzione più breve per mangiare un uovo quanto a tempi di cottura che possono variare dai due minuti e mezzo ai 3 minuti e mezzo, a seconda di come preferite l’albume. Per prepararlo in modo perfetto basta seguire alcune indicazioni.


L’uovo deve essere a temperatura ambiente; se l’uovo è appena tolto dal frigorifero a contatto con l’acqua bollente potrebbe rompersi, compromettendo la perfetta riuscita della cottura. Un consiglio in caso di rottura del guscio? Se aggiungete mezzo cucchiaio di aceto l’albume “coagula” e risarcisce la “ferita”. L’uovo va appunto immerso in acqua bollente (mentre se lo volete sodo potete immergerlo nell’acqua quando è ancora fredda). Dal momento che l’acqua bolle abbassate la fiamma e, una volta trascorso il tempo necessario, passatelo sotto l’acqua fredda per poi servirlo nel guscio in un portauovo e consumarlo con un cucchiaino dopo avervi dato una spolverata di sale e pepe.
portauovaQuesta preparazione non solo è la più veloce, ma è anche la più amata dai bambini, grazie anche alla varietà di portauovo divertenti e colorati. Molto divertenti quelli di Alessi, a forma di pesce o di omini buffi.
Articoli Correlati
Una ricetta per preparare le uova in camicia

Una ricetta per preparare le uova in camicia

La preparazione delle uova in camicia, note anche come uova affogate, non è semplice, ma con un po’ di accorgimenti anche le mani meno esperte potranno riuscire senza troppe difficoltà. […]

Prepariamoci alla Pasqua:Penne con salsa alle uova

Prepariamoci alla Pasqua:Penne con salsa alle uova

Avevamo iniziato il nostro menù per una Pasqua informale con un buon tagliere di salumi e formaggio e con l’insalata pasqualina e vi propongo di proseguire con un ingrediente che é […]

L’uovo: i vari metodi per cucinarlo

L’uovo: i vari metodi per cucinarlo

Se pensavate che cucinare un uovo fosse facile, leggete i vari modi che esistono per prepararlo e poi fateci sapere se avete cambiato idea! Uovo al tegamino: Si fa scivolare […]

Come cucinare in modo differente i Calamari Ripieni

Come cucinare in modo differente i Calamari Ripieni

Tra i tanti doni che ci offre il mare, uno tra i più graditi è certamente il calamaro. Questo mollusco è molto apprezzato nelle cucine di tutto il mondo. Il […]

Le uova marmorizzate “alla cinese”

Le uova marmorizzate “alla cinese”

Qual’è l’alimento più ricco di proteine maggiormente diffuso? La risposta è semplice, certamente l’uovo. Facile da tenere a portata di mano in frigorifero, è semplicissimo da preparare: sodo, fritto, alla […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

  • #1valerio

    ottimo

    19 mar 2010, 21:08 Rispondi|Quota
  • #2Anto

    NN mi piace

    12 dic 2012, 19:49 Rispondi|Quota
    • #3Cinzia Iannaccio

      mio figlio invece ne va pazzo…ed anch’io. Peccato che non sazia!

      3 gen 2013, 22:11 Rispondi|Quota
Trackbacks & Pingback
  1. Menù esami di maturità 2012, cosa mangiare | Ginger & Tomato