Té verde, varietà ed origine. Per rilassarsi e mantenersi in salute

 
Cecilia Morello
2 febbraio 2008
Commenta
te

Il è la bevanda più amata al mondo dopo l’acqua, consumata in tutto il mondo nelle sue innumerevoli varietà. Quando la sua storia abbia avuto inizio non è dato saperlo con esattezza, quello che è certo è che in Cina la pianta spontanea del té era già conosciuta nell’ottocento a.C, ma solo centinaia di anni dopo cominciò ad essere coltivata. Una antica leggenda narra che l’imperatore cinese Shen Nung fosse solito ristorarsi nei momenti di pausa con un recipiente di acqua di ruscello calda. Una volta era seduto all’ombra di un albero quando delle foglie caddero nell’acqua calda. Shen Nung lo assaggiò e l’insolita bevanda lo conquistò.

La pianta che da origine al té è la Camelia Sinensis, un arbusto alto al massimo quattro metri le cui foglie dopo essere raccolte possono essere lavorate in modi diversi. A seconda del tipo di trattamento che ricevono danno vita ad una diversa varietà di té.

In Giappone la varietà più consumata è il tè verde che si distingue dal té nero in quanto ne viene interrotta la fermentazione e da questo deriva il suo tipico colore verde. A sua volta i vari tipi di té verde si distinguono tra di loro a seconda della tostatura che può essere ad esempio a vapore o in recipienti di rame.


Dopo la tostatura le foglie vengono schiacciate, messe ad essiccare ed eventualmente aromatizzate. Questo diverso tipo di lavorazione ne lascia intatti i polifenoli che contrastano l’azione della caffeina. Numerose ricerche mediche hanno dimostrato l’azione antisclerotica del té verde nell’uomo, grazie alla loro azione nei confronti dei radicali liberi.

Il té verde è anche considerato anticancro: in laboratorio è stato dimostrato che i suoi polifenoli sono in grado di bloccare la genesi del tumore nel topo. Questa bevanda non può ancora essere considerata un vero e proprio rimedio naturale ma i suoi benefici sono conosciuti fin dall’antichità e berne almeno 2 tazze al giorno non può che fare bene, soprattutto grazie all’accertata azione rilassante su stomaco e intestino che la rende adatta ad essere consumata in qualunque momento della giornata.
Articoli Correlati
Scopriamo una varietà di pane indiano attraverso The Millionaire: il chapati

Scopriamo una varietà di pane indiano attraverso The Millionaire: il chapati

  TEMPO: 20 minuti (più 1 ora di riposo)| COSTO: basso| DIFFICOLTA’:bassa VEGETARIANA: SI | PICCANTE:NO | GLUTINE: SI | BAMBINI: SI Negli ultimi tempi raramente un film mi ha appassionato […]

I biscotti della salute di Pellegrino Artusi

I biscotti della salute di Pellegrino Artusi

Come molti di voi, ho imparato a cucinare osservando la nonna indaffararsi sui fornelli, sempre allegramente, ma con la massima professionalità. Mi sembrava che non esitasse mai, sapeva sempre prepararci […]

Patate, quale varietà usare per le vostre ricette

Patate, quale varietà usare per le vostre ricette

Le patate, sempre presenti in ogni dispensa, sono probabilmente uno degli alimenti più versatili, da utilizzare in diversi tipi di ricetta e per diverse portate. Ma le patate non sono […]

Caffè al cardamono, la spezia dell’amore

Caffè al cardamono, la spezia dell’amore

Il cardamono (o cardamomo) è un’antica spezia originaria delle foreste tropicali dell’Oriente. La pianta da cui nascono questi semi è della stessa famiglia della pianta dello zenzero. Si dice che […]

Datemi un CAFFE’ e vi solleverò il mondo!

Datemi un CAFFE’ e vi solleverò il mondo!

Basso, lungo, macchiato, decaffeinato, amaro, all’americana, alla turca, corretto, freddo con la schiuma… di cosa sto parlando?! Beh, se non l’hai ancora capito stai leggendo l’articolo giusto… parlo del caffè! […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento