Eleganti e delicati: i Gamberoni panati

di Roberto 0



Come iniziare una cena romantica in modo informale ma elegante? Cosa servire come antipasto o come stuzzichino per un cocktail raffinato e ricercato? Per una cena a base di pesce, cosa si può preparare come piatto iniziale, per aprire l’appetito? Niente di più semplice: i Gamberoni panati. Una pietanza molto semplice ma dal sapore eccezionale, questo è quanto si può dire dei Gamberoni panati.

Tra le ricette di pesce, sicuramente troverete altre maniere interessanti per cucinare i gamberoni, ma i Gamberoni panati,a parer mio, sono una portata che dona dei piaceri singolari al palato per la sua semplicità e per l’eccellenza degli ingredienti. Senza mascherare troppo il sapore e rendendo un po’ croccante la carne dei gamberoni si compone un piatto delizioso come i Gamberoni panati.

Gamberoni panati


Ingredienti

800 gr. gamberoni | 100 gr. pangrattato | 80 gr. parmigiano grattugiato | un pizzico aglio in polvere | la punta di un cucchiaino prezzemolo tritato | un pizzico pepe nero | olio extravergine d'oliva | sale | il succo di 1 limone

Preparazione

  Lavate in acqua corrente i gamberoni e poi metteteli a scolare in uno scolapasta. Eliminate le teste ed il resto del guscio dai gamberoni ad eccezione della coda. Tamponate leggermente i gamberoni sgusciati con della carta assorbente poi lasciateli marinare per 10 minuti nel succo di limone.

  Nel frattempo, mescolate il pangrattato, il formaggio grattugiato, il prezzemolo, l’aglio in polvere, ed un pizzico di pepe ed amalgamateli per bene. A fine marinatura, sgocciolate per bene i gamberoni, quindi passateli prima in un po’ d’olio poi nel pangrattato condito.

  Una volta pronti, infilzate, a gruppi di 4, i gamberoni in degli spiedini di legno leggermente inumiditi con il succo di limone della marinatura. Salate leggermente i gamberoni e disponete gli spiedini in una teglia. Lasciate colorire i gamberoni in forno a 180 gradi per circa 5 minuti. Quando la crosta sarà dorata togliete gli spiedini dal forno e serviteli in tavola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>