Strudel di uva

di Muriel de Toledo 1

Passeggiando tra le strade della città vecchia ho visto nella vetrina di una piccolissima pasticceria ungherese una magnifica serie di strudel, tutti spolverati di zucchero a velo… la tentazione è durata una frazione di secondo e sono subito entrata a comprarne uno da portarmi a casa. Ecco il dessert perfetto per la cena di stasera e, magari, pure un piccolo spuntino pomeridiano…

Seduta sulla sdraio in terrazza, una fettina di strudel, un thè ghiacciato, assaporando gli ultimi raggi di sole della stagione, mi è venuto in mente di quanto i piccoli piaceri della vita abbiano il potere di farci stare bene, riconfortati, in pace, direi quasi… appagati. E poco importa quello che mangiamo in quei momenti, a volte i sapori più semplici sono quelli che più ci rimangono impressi.
Non vi è mai capitato di notare che spesso un sapore o un profumo riaccendono in noi ricordi lontani? Avete mai notato che cibo e memoria sono due cose talmente intrinseche tra loro da rendere impossibile vedere quando una finisce e l’altra incomincia.

Il cibo è memoria. Cosi come il sapore delle ‘madeleines’ ha riportato Proust alla sua più tenera infanzia nel suo celeberrimo ‘Alla ricerca del tempo perduto’, cosi noi abbiamo impressi nella mente i sapori ed i profumi che hanno accompagnato, mano a mano, i momenti più particolari della nostra vita.
Lo strudel è sempre stata la specialità di mia zia, nessuno lo riesce mai come lei e non solo per gli ingredienti che usa, ma per l’amore con cui lo serve, sempre a temperatura perfetta, mai troppo caldo nè troppo freddo, con la cucchiaiata di gelato alla vaniglia che si scioglie accanto. Grande!
Lei usa cinque o sei fogli di pasta fillo imburrati e sovrapposti per fare la sfoglia e questo lo rende particolarmente leggero e croccante, ma potete pure usare una pasta sfoglia normale che comprate congelata oppure usare la sfoglia nella ricetta qui sotto, prendendo cura di lasciarla riposare un’oretta prima di ‘tirarla’.

Strudel di uva

Ingredienti per 6-8 persone:

Sfoglia: 300 gr di farina | 40 gr di burro | 1 uovo | 150 ml di acqua | 80 gr zucchero | 1 pizzico di sale

Ripieno: 80 gr burro | 5 mele | ½ tazza di pinoli | 300 gr di uva (bianca, senza semini, o ciliege snocciolate, fichi freschi, pesche, albicocche….) | 150 gr zucchero di canna | 1 cucchiaino di cannella

Preparazione:

Impastare gli ingredienti per la sfoglia e lasciarla riposare un’oretta in frigo.
Lavare, pelare e togliere i torsoli dalle mele, tagliandole a tocchetti; tagliare i chicchi d’uva in due, togliendone i semini.
Sciogliere il burro in una padella con lo zucchero ed i pinoli; unire in seguito le mele, l’uva e la cannella. Non bisogna cuocerli ma solo intensificarne i sapori mischiandoli tra loro a caldo.
Spargere il ripieno al centro della sfoglia ed arrotolarla su sè stessa ripiegando prima verso l’interno i bordi laterali. Io poso la sfoglia direttamente sulla carta da forno prima di aggiungere il ripieno per facilitare l’arrotolamento dello strudel ed il suo ‘trasferimento’ sulla teglia.
Passare in forno a 180 gradi C° per circa 30 minuti o fino ad ottenere una bella doratura uniforme.

A fine cottura ricoprire di zucchero a velo e servire ancora tiepido accompagnato da gelato alla vaniglia o panna montata o crema inglese…

[photo courtesy | avlxyz from Flickr]

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>